Quantcast

Gestioni passive

Fineco concentra in un’unica strategia il top dei fondi passivi

Fineco Am Passive Underlyings prevede sei opzioni con diversi livelli di esposizione azionaria

Foti: “Fineco può camminare con le proprie gambe. Noi leader europei del Fintech”

Alessandro Foti, ad e dg Fineco

Fineco sceglie un approccio fintech per portare innovazione nella strategia del risparmio gestito attraverso il lancio di Fineco Am Passive Underlyings.

Si tratta di una soluzione di portafoglio che concentra le migliori strategie passive, ingegnerizzate grazie alle competenze e al motore tecnologico di Fineco Am. Si basa su un portafoglio di strumenti passivi bilanciati e monitorati su base quotidiana, selezionati in modo da massimizzare la diversificazione. La soluzione prevede sei opzioni con diversi livelli di esposizione azionaria (dal 15% fino a un massimo dell’85%) affinché ciascun investitore possa trovare la risposta più aderente al proprio profilo di rischio-rendimento. Ciascun fondo Fineco AM Passive Underlyings viene infatti gestito all’interno di una banda di volatilità massima e minima con un livello target. Tutte le classi di investimento usate per ciascun portafoglio hanno una costruzione passiva sviluppata completamente in-house.

Tra i punti di forza vi sono un’analisi quantitativa basata su serie storiche sino a 50 anni, un team di gestori dedicati, nessuna commissione di performance e portafogli misurabili costruiti attorno a comparator con piena visibilità sui costituenti.

La nuova strategia si integra nella piattaforma di Fineco. Per i consulenti finanziari lo strumento rappresenta infatti un’opportunità sia per consolidare le relazioni con i clienti esistenti, anche nel segmento più sofisticato del private banking, sia per ampliare la base, rivolgendosi a una platea in crescita di risparmiatori interessati ad avvicinarsi per la prima volta al risparmio gestito.

“Oggi l’industria del risparmio gestito in Italia è chiamata a rivedere l’approccio verso la clientela per poter rendere sostenibile la propria crescita”, dichiara Alessandro Foti, amministratore delegato e direttore generale di Fineco. “Occorre un’assunzione di responsabilità nel garantire qualità, trasparenza e prezzi corretti. Con le nuove strategie di gestione del risparmio presentate, confermiamo la spinta all’innovazione al servizio della clientela come parte integrante del nostro Dna: siamo il primo operatore istituzionale a proporre in Italia una soluzione di questo tipo. Riteniamo che questa sia la strada più corretta per cogliere l’opportunità di crescita che l’intera industria ha davanti in questo momento: favoriamo lo sviluppo attraverso l’ampliamento del mercato piuttosto che imporre costi supplementari”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo