Quantcast

Vigilanza

Lussemburgo, nuovo round di mail truffaldine

La tecnica è ormai consolidata: utilizzare non solo nome e logo della banca, ma persino indirizzi mail pressoché uguali. Gli ultimi casi segnalati dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier

Otto milioni di italiani dichiarano di essere stati truffati nel 2019

Le truffe finanziarie non conoscono confine geografico. In un mondo globalizzato le tecniche con cui "adescare" ignari gli risparmiatori tendono inoltre a diventare sempre più sofisticate, tra cui l'uso di indirizzi di posta elettronica pressoché identici a quelli usati dagli operatori finanziari regolarmente autorizzati.

Nel Lussemburgo la Commission de Surveillance du Secteur Financier (Cssf) avverte il pubblico dei risparmiatori che sconosciuti contattano potenziali investitori per offrire loro servizi di investimento presentandosi sotto il nome di “Noia Capital”, fingendosi un “membro della Commission de Surveillance du Secteur Financier”. Tali contatti avvengono anche tramite e-mail con il formato dell'indirizzo [email protected] e fingono di avere sede in 18, rue Robert Stumper, L-2557 Lussemburgo.

La Cssf precisa che la società Noia Capital Sarl, di diritto lussemburghese, registrata presso la Cssf come gestore di fondi di investimento alternativi, “non è collegata in alcun modo alle persone che utilizzano il suddetto formato di posta elettronica”.

L'autorità di vigilanza ha rivelato diversi casi, condotti con la stessa tecnica: ancora una volta, i malintenzionati contattano i possibili investitori e si presentano come dipendenti della "Banque Européenne d'Investissement". Tali contatti avvengono anche tramite e-mail con il formato dell'indirizzo [email protected], abusano del nome e del logo della Bei e fingono di avere sede in "2-6 Rue Albert Wehrer, L-2719 Lussemburgo". Anche in questo caso la Cssf ha dovuto precisare che la Bei con sede in Lussemburgo non è in alcun modo collegata ai fatti richiamati nella presente avvertenza.

Ma i casi non finiscono qui: la Cssf ha lanciato l’allarme sull'uso improprio del nome, del logo e dell'indirizzo della Banque de Luxembourg da parte di sconosciuti che contattano il pubblico per offrire loro prodotti di investimento. Tale abuso viene attuato, inviando e-mail con il formato dell'indirizzo: [email protected] Ma, ancora una volta, come negli altri casi, Banque de Luxembourg S.A., debitamente autorizzata in Lussemburgo come istituto di credito, è totalmente estranea alla vicenda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo