conti 2019

I prestiti italiani di October in crescita del 41%

La piattaforma digitale di finanziamenti alle Pmi ha chiuso il 2019 con un erogato complessivo di 129 milioni di euro a 227 imprese operanti nei 4 Paesi

Sergio Zocchi, amministratore delegato di October Italia

Sergio Zocchi, amministratore delegato di October Italia

La piattaforma europea digitale di finanziamenti, October, ha chiuso il 2019 con un erogato complessivo di 129 milioni di euro a 227 imprese operanti nei 4 Paesi in cui la piattaforma è operativa (Francia, Spagna, Italia e Paesi Bassi). In media è stato erogato un prestito a un’azienda quasi per ogni giorno lavorativo.

Sul totale dei finanziamenti, 31 milioni di euro sono stati prestati ad aziende italiane suddivisi su 58 progetti, con una crescita nel numero di operazioni sul territorio pari al 41% rispetto al 2018. Risultati che confermano la crescente propensione dell’imprenditoria italiana ad aprirsi a forme di finanziamento alternative a quelle tradizionali.

L’ultimo mese dell’anno, inoltre, ha visto concludersi in Toscana un prestito di 3.5 milioni di euro a favore del concessionario auto Gruppo Brandini. Si tratta della più importante operazione italiana di finanziamento ad un’impresa tramite piattaforma digitale.

“ Per ogni operazione di finanziamento ad una Pmi italiana, circa il 95% della raccolta proviene da prestatori privati e investitori istituzionali esteri (Francia, Spagna, Paesi Bassi), a dimostrazione della capacità del modello operativo di October di convogliare capitali non solo domestici ma anche esteri direttamente sull’economia reale", commenta Sergio Zocchi, amministratore delegato di October Italia.

I veicoli di investimento. Proprio in Italia, ad ottobre è stato lanciato un fondo di 30 milioni di euro, dedicato esclusivamente al mercato domestico e realizzato in partnership con cinque Confidi aderenti a Federconfidi e a Rete Fidi Italia e con il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI).

Il fondo si rivolgerà principalmente alle imprese beneficiare della Garanzia InnovFin, un'iniziativa lanciata dalla Commissione europea e dal gruppo Bei e sostenuta da Horizon 2020, il programma comunitario di ricerca e innovazione per il quale October è diventato un intermediario autorizzato.

Sul fronte internazionale, a dicembre, il primo closing del quarto fondo, sottoscritto da importanti investitori istituzionali, tra cui il Fei, ha raggiunto i 115 milioni di euro. L'impegno del Fei si colloca nell'ambito del programma “Private Credit Tailored for SMEs"che, lanciato nel 2018, combina risorse del Fondo europeo e dell'Unione Europea.

leggi anche | Il factoring in Italia gode di ottima salute

L'internazionalizzazione. Con l’annuncio, a luglio 2019, dello sbarco in Germania, il 2019 è stato caratterizzato da un rafforzamento dell’impronta europea di October. Il mercato tedesco permetterà infatti alla società di coprire l’80% del PIL dell’Eurozona. Il team locale è attualmente operativo da Monaco e tramite October dovrebbero essere erogati i primi finanziamenti alle imprese tedesche nei prossimi giorni. Si è inoltre concluso il primo anno di attività nei Paesi Bassi.

La tecnologia. Oltre al rilascio dell’app mobile di October, nel corso del 2019 è stato messo in produzione un nuovo algoritmo di credit scoring. Basato su dati accumulati in cinque anni, permette di valutare con ancora maggiore precisione le aziende da supportare e di conseguenza erogare un numero maggiore di finanziamenti. A settembre 2019, October è stata inserita nell’elenco delle Next40, le 40 start-up francesi a più alto potenziale di crescita.

A gennaio 2019, la community internazionale dei prestatori privati che utilizzano la piattaforma di October ha inoltre superato le 20.000 persone.

leggi anche | A October piace l'accordo europeo sul crowdfunding

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo