Quantcast

Crediti deteriorati

Serrini, Prelios: Npl, la Bce attende un forte incremento

Per il Ceo del gruppo Prelios, la Commissione studia la creazione di Asset management company a livello di singoli Paesi per agevolare un mercato di acquisizioni di Npl

A Roma un aggiornamento su crediti deteriorati e Npl

"Una delle soluzioni allo studio a livello di Commissione Europea è la creazione di Asset management company a livello di singoli Paesi, con capitale misto pubblico-privato, al fine di agevolare un mercato di acquisizioni di Npl in competizione con i principali fondi globali, che sono compratori di Npl in tutto il mondo. Ovviamente questo piace molto poco agli investitori istituzionali globali". Lo ha affermato Riccardo Serrini, Ceo del gruppo Prelios, in un'intervista rilasciata a Report di Class Cnbc. "Bce ed Eba stanno cercando di anticipare quello che si pensa arrivi, ovvero un forte incremento delle Npe (non performing exposures), e parlo sia di Npl sia di Utp, per tutte le banche, a livello non solo nazionale ma anche paneuropeo. Stanno cercando di anticipare i tempi per capire se è possibile migliorare il mercato degli Npl rendendolo più liquido, e allo stesso tempo migliorare e incrementare il mercato secondario. Quello che dal punto di vista di Prelios ho suggerito nel corso della riunione con la Bce e la Commissione, è di fare riferimento al mercato italiano che, oltre ad essere il più grande mercato in Europa nel settore dei crediti distressed, ha fatto anche passi da gigante. Questo non soltanto sviluppando strumenti che hanno agevolato il sistema bancario nel deleveraging, ma che ha agevolato lo sviluppo di un mercato secondario attraverso il lancio di piattaforme di trading come la nostra BlinkS, che è stata presa come esempio da parte della Bce per lo sviluppo di un medesimo mercato a livello europeo", ha aggiunto Serrini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo