Nomine

L’ex ministro del Tesoro Padoan designato presidente di Unicredit

L’attuale deputato del Pd ha dichiarato: “Mi impegnerò pienamente nei miei nuovi compiti e confermo l’intenzione di lasciare il mio ruolo di parlamentare italiano”

L’ex ministro del Tesoro Padoan designato presidente di Unicredit

Pier Carlo Padoan, ex ministro del Tesoro designato presidente di UniCredit

Pier Carlo Padoan, economista, deputato e ex ministro del Tesoro, sarà il futuro presidente di Unicredit. Il cda lo ha cooptato in cda all'unanimità: sarà nominato con l'assemblea 2021, che rinnoverà i vertici della banca. Padoan, che lascerà la carica di deputato per dedicarsi alla stesura della futura lista di consiglieri di Unicredit, è stato eletto per il Partito Democratico nel collegio di Siena ed è stato tra i registi, nel 2017, del salvataggio delle due banche venete, 'inglobate' da Intesa SanPaolo. Padoan arriva in un momento delicato per Unicredit: secondo indiscrezioni del Sole 24 Ore, il ceo Jean Pierre Mustier starebbe accelerando sulla scissione delle attività estere del gruppo. Operazione che potrebbe essere approvata prima della scadenza del mandato del board, ad aprile 2021.

Il piano prevederebbe la quotazione a Francoforte, da cui arriverebbero risorse per la holding italiana che Equita calcola in circa 5 miliardi. Risorse che non è escluso possano servire a portare avanti eventuali operazioni straordinarie. Padoan sarebbe il secondo ex ministro del Tesoro a diventare presidente del gruppo bancario, dopo Fabrizio Saccomanni, scomparso l'8 agosto del 2019.

Padoan ha dichiarato: “Sono felice di entrare a far parte del consiglio di amministrazione di UniCredit e sono onorato di esserne stato designato Presidente. Mi impegnerò pienamente nei miei nuovi compiti e confermo l’intenzione di lasciare il mio ruolo di parlamentare italiano. Sono molto grato al presidente Cesare Bisoni e all’intero consiglio di amministrazione di UniCredit per la fiducia che ripone in me in questo momento cruciale per l'Italia e per l'Europa. UniCredit è una azienda paneuropea vincente con solide e forti radici italiane e sono entusiasta di lavorare con il consiglio di amministrazione e il management team per capitalizzare questi punti di forza e promuovere il successo del Gruppo. Sono lieto di poter portare le mie competenze in un settore, quello finanziario, di cui conosco bene la complessità a livello globale.

Consapevole che ogni storia è a sé, impiegherò i prossimi mesi per studiare e conoscere la banca nel suo contesto italiano e internazionale. Nei prossimi mesi, insieme al Comitato Corporate Governance, Nomination and Sustainability, contribuirò attivamente alla preparazione della lista dei membri del consiglio di amministrazione per il mandato 2021-2023”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo