Quantcast

La ricchezza e i servizi del futuro

Wealth management pronto al raddoppio

Secondo un’analisi di Bain & Co entro il 2030 il potenziale di mercato potrebbe superare i 500 miliardi di dollari. Ma per coglierlo servono nuovi modelli dedicati alla generazione Y e Z

Anche i miliardari piangono, la ricchezza degli HNWI scende del 3%

Wealth management pronto al giro di boa.  Secondo un'analisi a cura di Bain& Company, la domanda di servizi è destinata a raddoppiare rispetto al 2021, cosi come i ricavi che supereranno i 500 miliardi di dollari entro il 2030. A patto che gli operatori abbiano nel frattempo adeguato i modelli organizzativi ai bisogni della generazione Y e Z.

 “Questo è un trend che gli operatori oggi devono necessariamente cavalcare, guardando ai nuovi segmenti di clientela. Per cogliere infatti il potenziale del cambiamento, i player dell’industria dovranno confrontarsi con 250 milioni di nuovi clienti della generazione Y e Z con un reddito annuo superiore ai 100mila dollari che emergeranno entro il 2030. Anche in Italia il trend si sta manifestando”, spiega Daniele Funaro, partner Bain & Company.

Tra il 2021 e il 2030, Bain & Company prevede un incremento pari a 90mila miliardi di dollari di liquidità a livello globale da parte di tutti gli investitori, con circa metà di questa ricchezza proveniente da individui con un patrimonio compreso tra 100mila e 1 milione di dollari. L’America e la regione dell'Asia-Pacifico guideranno questa crescita.

“I nuovi clienti più giovani sono più autonomi e vantano una maggiore educazione finanziaria”, prosegue Funaro. “Tuttavia, sebbene in generale questa tipologia di clienti guardi a un servizio di tipo principalmente digitale, per le decisioni più complesse chiede un'interazione umana. Questo si traduce in un nuovo approccio, ibrido e ad alto contatto, per gli operatori che vorranno catturare la ricchezza di questa nuova fascia emergente".

Per cogliere le potenzialità insite nel mercato, gli operatori dovranno necessariamente organizzare l’offerta tenendo conto di alcuni elementi chiave:

•             Il 75% dei millennial benestanti considera gli aspetti Esg un fattore importante nelle decisioni di investimento. Bain & Company prevede che gli asset legati all'Esg costituiranno circa il 46% di tutti gli asset in gestione entro il 2030, rispetto all'attuale 33%.

•             La rapida crescita e la sovraperformance dei mercati privati rispetto a quelli pubblici ha stimolato l'appetito degli investitori, spingendo diverse società wealthtech ad ampliare l'accesso al private equity e al debito.

•             Il market cap delle società pubbliche che emettono criptovalute ha toccato quota 2.200 miliardi di dollari, prima di scendere a 1.300miliardi lo scorso maggio. Molti consulenti prevedono di investire tra l'1% e il 5% dei portafogli dei clienti in asset digitali nei prossimi cinque anni.

•             Gli investitori sono alla ricerca di soluzioni innovative di accumulo previdenziale per mantenere un tenore di vita confortevole.

“Un altro trend a cui assisteremo è una spinta ulteriore verso l’M&A. I rendimenti di scala saranno superiori di circa il 35% per chi applicherà un modello ad alta intensità digitale – con soluzioni high tech e high touch - rispetto ai modelli tradizionali. Per ottenere il vantaggio competitivo di una maggiore scala, molte aziende ricorreranno a fusioni e acquisizioni”, conclude Funaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo