Succede in Borsa

Milano e l'Europa in rally dopo
i dati sul lavoro negli Stati Uniti

Piazza Affari chiude a +2,9%, con spread a 168. A fare da traino la disoccupazione Usa, scesa a giugno all'11,1%

borsa

Diavolo di un Trump. Mentre qualcuno iniziava a darlo per morto e prospettava un suo ritiro dalla corsa alla Casa Bianca, arrivano i dati sulla disoccupazione negli Stati Uniti a giugno, scesa all'11,1%. Un calo di oltre due punti percentuali, che si traducono in 4,8 milioni di posti di lavoro creati negli ultimi 30 giorni. Le richieste di sussidi per la scorsa settimana sono arrivate a 59mila in più, un po' sopra le attese degli analisti ma comunque in diminuzione. D'altronde, il presidente americano non ha mai nascosto che tra l'epidemia e l'economia avrebbe sempre privilegiato la seconda. Da bravo tycoon ha imposto il lockdown per un tempo ridottissimo, tanto che oggi gli Usa registrano 50mila casi al giorno, un'enormità perfino per un paese così grande e popoloso. E dunque ha ragione lui? Lo diranno gli anni a venire, quello che è certo è che le borse hanno molto apprezzato.

Milano chiude a +2,9%, tornando a flirtare con quota 20mila punti. Lo spread è a 168 e il rendimento del decennale sceso all'1,21%. Anche le altre piazze europee brindano ai dati: Madrid sale del 3,7%, Francoforte del 2,8, Parigi del 2 e Londra dell'1,3%.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo