Quantcast

Esg & Imprese

Consob: sostenibilità col contagocce per le società quotate

Secondo il Rapporto 2021 sulla rendicontazione non finanziaria, nonostante alcuni piccoli passi avanti, solo trenta di queste integrano considerazioni a lungo termine sul tema

rendicontazione non finanziaria

Il Rapporto 2021 sulla rendicontazione non finanziaria delle società quotate italiane esamina, per il quarto anno consecutivo, gli effetti dell'entrata in vigore della direttiva 2014/95/UE, recepita in Italia con il d.lgs. 254/2016, con lo scopo di cogliere eventuali segnali della considerazione dei fattori Esg (environmental, social and governance) nella definizione dei modelli di business, nel processo decisionale, nelle strategie e nei modelli di corporate governance aziendali.

La prima sezione riporta informazioni sulle Dichiarazioni Non Finanziarie (DNF) pubblicate nel 2021 da 151 società quotate e sul processo di selezione dei temi materiali. Rispetto alla precedente edizione vi è una maggiore diffusione di taluni comportamenti legati al coinvolgimento delle strutture o degli organi interni (116 casi; erano 114 nel 2020) nel processo di identificazione dei temi rilevanti e del consiglio di amministrazione (51 casi, in continuo aumento rispetto ai 39 del 2020 e ai 21 del 2019), mentre è leggermente diminuito rispetto allo scorso anno il numero di emittenti che coinvolgono stakeholders esterni (81 nel 2021, 83 nel 2020).

Sono stati esaminati gli abstract dei piani strategici pubblicati da 63 società sui propri siti web, da cui si evince che 30 società integrano considerazioni a lungo termine in materia di sostenibilità, 16 collegano la strategia agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e 8 (imprese attive nel settore Energia/Oil e Gas) integrano nella comunicazione della strategia tematiche che generano valore nel breve e nel lungo termine, descrivendo le connessioni tra questioni finanziarie e non finanziarie.

La seconda sezione del Rapporto raccoglie indicatori dell'integrazione dei fattori Esg nel processo decisionale del board. Nel corso del 2021, tra le società che hanno redatto la Dnf, 49 hanno rinnovato il board; di queste, 34 hanno pubblicato linee guida per la nomina del nuovo consiglio di amministrazione, menzionando i temi non finanziari in 25 casi (51% del totale delle società che hanno rinnovato il board a fronte del 38% nel 2020).

Nell'autovalutazione del Consiglio, i fattori Esg sono citati in 45 casi (37 nel 2020), mentre sono 53 gli emittenti che li hanno inclusi nei programmi di induction erogati ai membri del consiglio (32 nel 2020).

La terza sezione analizza, sulla base delle Relazioni sulle politiche in materia di remunerazione pubblicate nel 2021, l'integrazione dei fattori Esg nelle politiche relative ai compensi dei ceo. Gli emittenti che integrano fattori non finanziari nelle remunerazioni degli amministratori delegati sono 106, in netta crescita rispetto al 2020, quando il dato si attestava a 63. In particolare, il riferimento a tali parametri riguarda le remunerazioni di breve termine in 97 casi (53 nel 2020) e la componente di lungo termine in 56 casi (29 nel 2020).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo