Quantcast

Scenari | Ebury  

Variante Omicron: mercati affossati, ma l’euro respira

I casi di Covid sono ancora preoccupanti, ma sembra che l’impatto economico di questa ondata sia minore. Intanto, venerdì sono state abbandonate le posizioni ribassiste, e l’euro ne è uscito rafforzato. Il commento del team di Ebury

Variante Omicron: mercati affossati, ma l’euro respira

Non una festa del Ringraziamento proprio tranquilla per gli Stati Uniti, che hanno visto i trader reagire bruscamente alla nuova variante Omicron del Covid con la vendita generalizzata di asset rischiosi. Per quanto riguarda le valute, i timori hanno sostenuto le valute rifugio come lo yen giapponese e il franco svizzero. Anche l’euro si è rafforzato, vista la riduzione del divario tra la politica monetaria della Bce e quella della Fed. Tutte le altre principali valute sono state vendute contro il dollaro Usa. Tra i mercati emergenti, l’unica eccezione è stata il real brasiliano, che è riuscito a tenere il passo. La lira turca ha avuto un’altra settimana disastrosa poiché i mercati sono andati unanimemente contro le visioni eccentriche di Erdogan sulla politica monetaria.

«In condizioni normali i dati chiave della settimana sarebbero stati il rapporto sull’inflazione dell’Eurozona di novembre in uscita martedì, e il rapporto sui salari di ottobre degli Stati Uniti. Tuttavia, l’incertezza sulla nuova variante Omicron e le poche informazioni disponibili finora sulla sua virulenza probabilmente indirizzeranno i mercati», commenta il team di Ebury. «I movimenti potrebbero essere in entrambe le direzioni a seconda delle notizie pubblicate dalle autorità sanitarie. Prevediamo che la correlazione della scorsa settimana tra l’avversione al rischio e l’euro, il dollaro Usa e i mercati emergenti rimarrà fino a quando non si dissolverà l’incertezza sulla nuova variante».

La scorsa settimana il flusso di notizie dall’Eurozona ha iniziato a prendere una svolta positiva. I principali indici PMI dell’attività economica di novembre hanno sorpreso in positivo. I casi di Covid sono ancora preoccupanti, ma sembra che l’impatto economico di questa ondata sia minore. La pubblicazione dei PMI ha contribuito a stabilizzare l’euro che si è rafforzato notevolmente durante il sell off del mercato di venerdì, quando sono state abbandonate frettolosamente le posizioni ribassiste.

«Il rapporto sull’inflazione di questa settimana ha un potenziale dirompente», dice il team. «Il tasso potrebbe facilmente attestarsi più vicino al 5% che al 4%, il livello più alto da decenni. È probabile che anche il livello core si collochi ben al di sopra dell’obiettivo teorico della Bce. Il modo in cui questi dati saranno inquadrati con la politica accomodante della Bce è una questione che ci aspettiamo venga alla ribalta da adesso fino alla riunione di dicembre».

Negli Usa, i verbali della riunione di novembre della Federal Reserve sono stati più hawkish del previsto, cosa che ha dato al dollaro basi solide prima del ponte per la festa del Ringraziamento. L’impatto del sell off sul dollaro è stato misto: da un lato, ha beneficiato in parte dell’avversione al rischio, mentre dall’altro ha sofferto quando i mercati hanno riconsiderato le aspettative di aumenti dei tassi di interesse nel 2022.

«Il rapporto sui salari degli Stati Uniti per ottobre dovrebbe essere forte e segnalare un altro calo del tasso di disoccupazione, una solida creazione di posti di lavoro e salari più alti, anche se non abbastanza elevati da tenere il passo con l’inflazione», spiega il team. «Tuttavia, prevediamo che le notizie sulla variante Omicron supereranno l’impatto dei dati e delle notizie di politica monetaria».

La sterlina si è mossa poco la scorsa settimana a causa di dati economici contrastanti (indici PMI deboli rispetto a forti ordini industriali) e delle comunicazioni non decisive da parte del governatore della Banca d’Inghilterra e del suo capo economista. Sorprendentemente, l’avversione al rischio di venerdì è stata in realtà positiva per la sterlina che ha chiuso la settimana quasi invariata nei confronti del dollaro Usa e dell’euro.

«Questa settimana non ci sono notizie di rilievo in arrivo dal Regno Unito», concludono. «Martedì parlerà il membro del MPC Catherine Mann, un falco, e si spera che faccia luce sullo stato dei dibattiti interni alla Banca d’Inghilterra in merito al rialzo dei tassi. Naturalmente andranno monitorate tutte le eventuali notizie sulla nuova variante Covid».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo