Quantcast

Scenari | Outlook 2022

Esg, servono dati adeguati: le sfide del prossimo futuro

«Sul fronte sociale, l'attenzione rimane sulla complessa valutazione dei diritti umani lungo la catena del valore. Tuttavia, la prima bozza della tassonomia sociale è stata pubblicata l'estate scorsa, e promette dibattiti vivaci e soggettivi sulla sua attuazione». Il commento di Ophélie Mortier

Esg, servono dati adeguati: le sfide del prossimo futuro

Gli investimenti sostenibili sono diventati pop. Nell’ultimo decennio è aumentata notevolmente la confluenza di azioni da parte di aziende, individui e legislatori, e la Cop26 ha ora dato la spinta definitiva. Il crescente potere della regolamentazione è un completo cambio di paradigma per la sostenibilità e per i dati sostenibili in particolare; l’Sfdr, in questo caso, è un'asticella crescente non solo per la divulgazione, ma anche per la disciplina e l'approccio al tema. Negli ultimi due-tre anni, l'attenzione si è concentrata principalmente su una sola dimensione: l'ambiente e in particolare il clima. Tuttavia, la crisi sanitaria ha dimostrato il ruolo chiave del pilastro sociale, e come le tre dimensioni - ambiente, sociale e governance - siano interconnesse e richiedano quindi un approccio complessivo.

«Quasi tutti i paesi si sono impegnati a neutralizzare le emissioni di carbonio nei prossimi decenni, con importanti conseguenze economiche e finanziarie», commenta Ophélie Mortier, responsible investment strategist, Dpam (nella foto sotto). «In primo luogo, significa un'uscita completa dai combustibili fossili entro il 2050 e un processo di decarbonizzazione aggressivo. In secondo luogo, si tratta di un costo d'investimento stimato in oltre 5 trilioni di dollari all'anno fino al 2030, che rende necessario un finanziamento considerevole».

Gli ultimi 5 anni sono stati da record in termini di emissione di obbligazioni verdi e titoli simili. Questo è solo un inizio. Questi strumenti dovrebbero essere emessi in modo massiccio nei prossimi anni, fornendo una migliore diversificazione e profondità ai mercati. Che siano volontariamente attratti da questi strumenti o spinti dalla regolamentazione, gli investitori sono inclini a comprare attivi "verdi", le cui valutazioni cominciano a mostrare alcuni segni di forte domanda.

In effetti, la tassonomia europea spinge gli investitori a comprare i titoli che permetteranno loro di allinearsi al meglio ai primi due obiettivi del cambiamento climatico (mitigazione e adattamento). Bisogna tenere a mente che la tassonomia mira a portare chiarezza su ciò che dovrebbe essere considerato “verde” e aiuta a riallocare il capitale verso attività economiche e aziende che contribuiscono agli obiettivi ambientali allineati alla tassonomia stessa.

«Anche se le ambizioni dei Paesi sono importanti», spiega Mortier, «esse devono essere raggiunte su scala globale per avere successo. In questo senso, il risultato della CoP26 non è stato rassicurante. “Una CoP dei paesi ricchi per i paesi ricchi" come hanno affermato diversi esperti, e con un importante divario tra le dichiarazioni ufficiali durante la prima settimana e le concessioni concrete durante la seconda settimana. La guerra di leadership sul clima tra Cina e Stati Uniti sta già creando alcune tensioni geopolitiche. Il fallimento della CoP26 su diversi punti essenziali della cooperazione internazionale e la sfiducia tra gli stati rafforzeranno le tensioni geopolitiche sul tema.»

L'impatto della regolamentazione sui requisiti sociali e di governance è stato per il momento abbastanza limitato, soprattutto sulle valutazioni. «Sul fronte sociale, l'attenzione rimane sulla complessa valutazione dei diritti umani lungo la catena del valore, il famoso “dovere di diligenza” attuato da Francia e Regno Unito», continua l’esperta. «Tuttavia, la prima bozza della tassonomia sociale è stata pubblicata l'estate scorsa, e promette dibattiti vivaci e soggettivi sulla sua attuazione. Osserviamo lo stesso in termini di governance: le garanzie minime da applicare dal punto di vista regolamentare rafforzano il controllo degli incidenti e degli scandali che gli emittenti possono affrontare. Inoltre, il passaggio dalla supremazia degli azionisti (shareholders) alla governance dei portatori di interessi (stakeholders) porta in primo piano la nozione di "missione" dell'azienda verso la società. Ciò ha dato il via a dibattiti interessanti sul fragile equilibrio di tutto questo microcosmo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo