Quantcast

Scenari | Rize Etf

Portafogli e pagamenti si digitalizzano: ora non si torna più indietro

«È probabile che nuove modalità e metodi di pagamento emergano man mano, e che la Finanza Decentralizzata costituisca una valida alternativa al sistema finanziario a cui siamo attualmente abituati». Il commento di Rahul Bhushan

Portafogli e pagamenti si digitalizzano: ora non si torna più indietro

Negli ultimi vent’anni la digitalizzazione ha invaso la maggior parte delle attività della nostra vita, eppure il pagamento di beni e servizi sembra essere rimasto il medesimo. Soltanto la pandemia, negli ultimi due anni, è riuscita a scalfire le vecchie abitudini obbligandoci a mettere mano in portafogli e pagamenti digitali. I fattori chiave di questo cambiamento sono chiari: tecnologia smartphone superiore, connessioni Internet più veloci e l'aumento delle interfacce non fisiche. Senza contare che i tradizionali sistemi di elaborazione dei pagamenti sono ormai troppo complicati.

Al contrario, l'alternativa al sistema tradizionale, in cui il proprio smartphone si trasforma nel conto in banca, è molto più semplice. Tecnologie come i pagamenti digitali e i portafogli digitali incorporano gran parte dell'ecosistema "a circuito chiuso" appena descritto, e, così facendo, eliminano più livelli di costi aggiuntivi. Un ecosistema "a circuito aperto" che in Cina è già un pilastro, dove giganti dei pagamenti digitali come Alipay e WeChat Pay sono all'avanguardia rispetto ai fornitori di carte (infatti in Cina l’uso di carte sta diventando desueto).

«Il 53% degli intervistati a un sondaggio realizzato lo scorso anno da Capgemini per il rapporto World Payment, ha affermato di aver aumentato l'uso dei canali di pagamento digitali durante il lockdown», dice Rahul Bhushan, cofondatore di Rize Etf (nella foto a lato). «Le transazioni attraverso pagamento digitali dovrebbero ora crescere a un tasso del 12% all'anno fino al 2025, quando si prevede che il valore totale delle transazioni varrà quasi il doppio di quello attuale. Allo stesso modo, si prevede che il numero di utilizzatori di portafogli digitali a livello globale aumenterà dai 2,3 miliardi di oggi a quasi 4 miliardi, ovvero il 50% della popolazione mondiale, entro il 2024». 

Un'opportunità risiede nelle reti di pagamento con carta, che collegano acquirenti e venditori in tutto il mondo. Queste società, come Visa, sono già incredibilmente redditizie grazie all'enorme numero di transazioni che elaborano, e continueranno a esserlo man mano che il mondo dei pagamenti digitali cresce. «Un gruppo di aziende meno noto, ma altrettanto promettente, posizionato per prosperare nell'economia digitale sono i processori di pagamento, che completano le transazioni tra commercianti e istituti finanziari», spiega Bhushan.

«Allo stesso modo, altre aree brillanti includono fornitori di infrastrutture di pagamento, che facilitano il collegamento di metodi di pagamento digitali e fornitori di servizi e soluzioni di pagamento, che coprono tutto, dai pagamenti con portafoglio digitale fino ai servizi di pagamento elettronici tramite mobile. Infine, nel mondo delle valute digitali esiste ora un gruppo di società in rapida crescita ed estremamente entusiasmante che sta aprendo la strada a binari completamente paralleli per i pagamenti nell'economia digitale. È probabile che nuove modalità e metodi di pagamento emergano man mano che questo spazio matura e vediamo emergere la Finanza Decentralizzata come una valida alternativa al sistema finanziario a cui siamo attualmente abituati. Consideriamo la regolamentazione un fattore chiave per un'ulteriore accettazione e adozione».

Man mano che i pagamenti digitali diventeranno sempre più onnipresenti, saranno le società finanziarie più innovative quelle in grado di costruire forme veramente digitali di servizi finanziari. «Ci aspettiamo», dice l’esperto, «che emergano anche prodotti finanziari accessori, che derivano dalla comprensione di come un cliente paga e opera, spesso sulle stesse piattaforme, offrendo soluzioni come credito, mutui, assicurazioni, risparmio e investimenti».

Mentre le banche tradizionali lottano per tenere il passo con il tasso di innovazione, emergerà gradualmente un nuovo ecosistema di finanza digitale, che sconvolgerà, soppianterà e digitalizzerà la maggior parte, se non tutte, le parti della nostra vita finanziaria. «Esponendosi a questo tema di investimento in queste fasi iniziali», conclude Bhushan, gli investitori intelligenti possono ottenere potenzialmente rendimenti elevati dal loro investimento iniziale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo