Quantcast

Scenari | Ns Partners

Cina: rimanere investiti conviene

«Gazprom ha siglato un accordo strategico di lungo termine con la China National Petroleum per la fornitura di gas nei prossimi 25 anni, mentre Pechino già da tempo eroga finanziamenti alla Russia per supportare più di 60 progetti di investimento». Il commento di Giacomo Calef

Cina: rimanere investiti conviene

Con un tasso di crescita del Pil a +2,3%, la Cina nel 2020 e 2021 era riuscita a ridurre il gap economico con gli Stati Uniti, ma ora, per il 2022, il Fondo Monetario Internazionale sta tagliando le stime: dalla precedente rilevazione del +5,7%, a Gennaio ha previsto un più moderato +4,8%. La ragione, risiede nelle principali componenti che hanno influito sulla forte crescita negli ultimi anni, ovvero le esportazioni e gli investimenti delle State Owned Enterprises, che in futuro dovrebbero normalizzarsi. Le vendite al segmento retail, quindi i consumi dei privati, hanno invece registrato dati più deludenti: nel 2021 è stato segnato solo un +1,7%.

«Con il round delle stringenti normative che hanno colpito soprattutto le big della tecnologia ed il settore dell’istruzione privata, ora il colosso asiatico punta ad una crescita economica di maggiore qualità, focalizzandosi maggiormente sui consumi dei privati», spiega Giacomo Calef, country manager di Ns Partners. «Da un lato, dunque, l’obiettivo del Governo sarebbe quello di ridurre i costi che pesano maggiormente sui nuclei familiari. Ad esempio, è stato stimato che a Shanghai, in media, le famiglie spendono più del 70% del proprio reddito per l’istruzione dei figli. Dall’altro lato, invece, il focus sarà quello di rafforzare la middle class e formare le nuove figure professionali del futuro, in vista della trasformazione tecnologica e digitale dell’economia. Secondo uno studio oggi la Middle Class conta circa 340 milioni di persone, ma già entro il 2025 si potrebbe arrivare a 500 milioni. Per portare avanti le proprie politiche economiche il colosso asiatico, inoltre, può contare su una situazione ben diversa rispetto all’Occidente».
 
Mentre negli Stati Uniti la Federal Reserve sta per avviare il ciclo di rialzi dei tassi, la Banca centrale cinese, ovvero la People’s Bank of China, ha ancora spazio manovra. A fronte del sell off causato dalle tensioni in Ucraina, la PBOC ha fatto un’importante iniezione di liquidità nel mercato del credito a breve termine, che è stata una delle più corpose dal 2020. «In relazione alle ultime vicende geopolitiche», dice Calef, «si dovrebbe tenere in considerazione anche la contrapposizione con l’Occidente. Di recente Gazprom ha siglato un accordo strategico di lungo termine con la China National Petroleum per la fornitura di gas nei prossimi 25 anni, mentre la Cina, come parte dell’iniziativa “Belt-and-Road”, da tempo eroga finanziamenti alla Russia per supportare più di 60 progetti di investimento in diversi settori, incluso anche l’Oil &Gas».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo