Quantcast

Scenari/T. Rowe Price

Tre segnali che potrebbero indicare una recessione negli Stati Uniti

"Le espansioni economiche non muoiono di vecchiaia: le uccide la Fed. Quando inasprisce la politica monetaria, la Fed mira a rallentare la crescita economica per domare l’inflazione, ma non tanto da far cadere l’economia in recessione". L'approfondimento di Yoram Lustig, head of multi‑asset solutions, Emea

Il palazzo del Campidoglio a Washington, sede del Congresso degli Stati Uniti

Il palazzo del Campidoglio a Washington, sede del Congresso degli Stati Uniti

Gli investitori sono sempre più preoccupati per una possibile recessione. Per determinare se questa preoccupazione è giustificata, Yoram Lustig head of multi‑asset solutions, Emea di T. Rowe Price ha esaminato tre fattori che, in passato, sono stati indicatori affidabili di recessione negli Usa: prezzo del petrolio in aumento, la Fed che aumenta i tassi e l’inversione della curva di rendimento dei Treasury.

“Quando gli Stati Uniti starnutiscono, il mondo prende il raffreddore”. Questo vecchio detto racchiude il rischio di una recessione degli Stati Uniti per i mercati finanziari globali: una recessione nella più grande economia del mondo, che ospita anche i più grandi mercati azionari e obbligazionari su scala globale, avrà un impatto sugli investitori, ovunque essi siano.

A fronte di un’inflazione elevata più persistente, le principali banche centrali hanno iniziato ad irrigidire la politica monetaria: essendoci una grande guerra in corso in Europa, gli investitori sono sempre più preoccupati per una possibile recessione. Per determinare se questa preoccupazione è giustificata, abbiamo esaminato tre fattori che, in passato, sono stati indicatori affidabili di recessione negli Usa: prezzo del petrolio in aumento, la Fed che aumenta i tassi e l’inversione della curva di rendimento dei Treasury.

Aumento del prezzo del petrolio

Quasi tutte le recessioni statunitensi dalla metà degli anni ‘70 sono state precedute da un forte aumento dei prezzi del petrolio. Oggi l’economia mondiale è meno dipendente dal petrolio, utilizzandolo in modo più efficiente, ma il prezzo del petrolio è ancora molto importante per le aziende e gli individui perché ha un impatto sui prezzi in molte altre aree, come la produzione, i beni di consumo, i trasporti, le bollette energetiche e il carburante, per citarne solo alcune. Un prezzo del petrolio più alto lascia i consumatori con meno reddito discrezionale. Può anche portare a pressioni inflazionistiche e ad una politica monetaria più rigida, che a sua volta potrebbe causare un rallentamento dell’economia. Infine, l’aumento dei prezzi del petrolio influenza le aspettative, sia per l’inflazione sia per le condizioni economiche più in generale. Molto di ciò che accade nell’economia dipende da ciò che la gente si aspetta che accada. Un’impennata del prezzo del petrolio ha preceduto cinque delle sei recessioni statunitensi a partire dal 1976, senza contare le impennate che si sono verificate una volta iniziata la recessione. Di contro, ci sono stati relativamente pochi sensibili aumenti del prezzo del petrolio seguiti da una recessione negli anni successivi.

Aumento dei tassi da parte della Federal Reserve

Le espansioni economiche non muoiono di vecchiaia: le uccide la Fed. Quando inasprisce la politica monetaria, la Fed mira a rallentare la crescita economica per domare l’inflazione, ma non tanto da far cadere l’economia in recessione. L’obiettivo è quello di progettare un graduale rallentamento dell’attività economica che aiuti a frenare l’impennata dei prezzi, mantenendo il mercato del lavoro vivace e l’economia in espansione. Obiettivo difficile da raggiungere, anche perché la politica della Fed è solo uno dei tanti fattori che influenzano l’economia statunitense. Per esempio, perché l’attuale aumento dell’inflazione svanisca, devono allentarsi le strozzature dell’offerta emerse dopo il periodo peggiore causato dalla pandemia. Per avere successo quindi, la Fed deve essere sia brava che fortunata. Dal 1976, la Fed è riuscita solo due volte ad aumentare i tassi senza spingere l’economia statunitense in una recessione nei due anni successivi: nel 1983 e nel 1994. Solo il tempo ci dirà se l’ultimo ciclo di rialzi della Fed riuscirà a combattere l’inflazione senza una recessione, o se sarà necessaria una recessione per uccidere l’inflazione.

Inversione della curva di rendimento statunitense

L’inversione della curva dei rendimenti nel tratto 10-2 anni (rendimento del Treasury Usa a 10 anni meno il rendimento a due anni) è la classica avvisaglia di una recessione negli Stati Uniti. La parte breve della curva riflette le aspettative del mercato sui tassi di interesse nei prossimi due anni; l’estremità lunga della curva riflette principalmente le aspettative del mercato sull’inflazione e la crescita economica nei prossimi 10 anni. Quando la Fed aumenta i tassi a breve, la curva tende ad appiattirsi perché il rendimento a due anni sale più velocemente di quello a 10 anni. Una politica più restrittiva della Fed riduce tipicamente le aspettative di inflazione e di crescita per il medio termine, smorzando i movimenti del rendimento a 10 anni. Alla fine, l’inversione si verifica quando la pendenza diventa negativa – il rendimento a due anni sale al di sopra del rendimento a 10 anni.

Questa pendenza della curva dei rendimenti non solo riflette le aspettative del mercato, ma può anche contribuire a causare una recessione. Le banche traggono profitto dai prestiti a breve termine e dai prestiti a lungo termine. Più piatta è la curva dei rendimenti, più bassi sono i profitti che le banche possono ottenere dai prestiti e più bassa è la quantità di credito nell’economia. La crescita ridotta del credito potrebbe essere un fattore che contribuisce alle recessioni. Per prevedere le recessioni, una curva dei rendimenti invertita ci dice di più di una curva dei rendimenti appiattita: ignorando quelle che si sono verificate durante le recessioni, le inversioni hanno preceduto ciascuna delle sei recessioni dal 1976. La curva dei rendimenti si è invertita di nuovo nel marzo di quest’anno, anche se con l’estremità lunga della curva già spinta verso il basso da una politica monetaria non convenzionale. Vale anche la pena notare che un altro classico indicatore di recessione negli Stati Uniti, il rendimento del Treasury americano a 10 anni meno tre mesi, è inclinato positivamente, il che significa che nessuna recessione è all’orizzonte.

Prepararsi ad una recessione negli Stati Uniti

Il ciclo economico passa attraverso periodi di espansione e di contrazione. Le recessioni fanno parte del ciclo, portando difficoltà economiche ma anche “distruzione costruttiva”. Sulla base dei nostri indicatori chiave una recessione negli Stati Uniti sembra sempre più probabile. Nel frattempo, gli investitori dovrebbero considerare di mantenere il proprio portafoglio diversificato in ottica di elevata volatilità.

I mercati tendono a valutare il rischio di una recessione prima che si verifichi e potrebbero diventare più turbolenti. La diversificazione, sia a livello globale sia tra le varie asset class, può aiutare a mitigare questa volatilità.

Se l’inflazione persiste e i rendimenti dei Titoli di Stato continuano a muoversi al rialzo, questi ultimi potrebbero non svolgere il loro ruolo tradizionale di diversificazione del rischio azionario. Altri approcci, come le strategie conservative attive o una gamma più ampia di asset “rifugio”, potrebbero svolgere un ruolo difensivo nei portafogli”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo