Quantcast

Scenari/Ethenea

L’inflazione in frenata, ma solo nel secondo semestre 2022

“Sono due gli scenari possibili: o l'economia si indebolirà per prima, facendo rallentare l'inflazione e rendendo meno necessario un intervento della banca centrale, oppure livelli di inflazione persistentemente elevati smorzeranno il sentiment dei consumatori, causando una grave recessione economica.” L’approfondimento a cura di Volker Schmidt, senior portfolio manager

 L'inflazione è manna per gli obbligazionari

Il tasso di inflazione che ha coinvolto Usa ed Europa ha causato grandi perdite per gli investitori, si parla di un possibile rallentamento successivo al prossimo trimestre, anche se ancora non è certo se nell’anno successivo rientrerà completamente. L’analisi a cura di Volker Schmidt, senior portfolio manager, approfondisce il tema.


“Anche se in Europa e negli Usa i tassi d'inflazione potrebbero salire ancora nel trimestre in corso, fino a sfiorare il 10%, verso la fine dell'anno potrebbero rientrare attorno al 5-6%. Non è comunque chiaro se nel 2023 e 2024 torneranno verso l'intervallo desiderato del 2%. In caso contrario, le banche centrali saranno costrette ad aggiustare nuovamente le loro politiche, con un ulteriore rialzo dei tassi di riferimento e dei tassi d'interesse a lungo termine.

La Fed ha già concluso il suo programma di acquisto di obbligazioni e a marzo e maggio 2022 ha alzato i tassi d'interesse di riferimento nel tentativo di smorzare l'inflazione. Seguiranno senza dubbio altri rialzi dei tassi. Inoltre, la Fed ridimensionerà il suo bilancio vendendo titoli di Stato e obbligazioni garantite da ipoteca oppure astenendosi dal reinvestire i titoli in scadenza. Eppure, finora gli interventi e gli annunci della banca centrale da soli non sono quasi mai riusciti a far rallentare la dinamica dell'inflazione. La Bce ha rallentato il ritmo dei suoi acquisti netti di obbligazioni senza terminarli completamente, ma ha lasciato invariati i suoi tassi d'interesse di riferimento. I rendimenti delle obbligazioni a lungo termine sono aumentati in misura significativa, così come le condizioni per i nuovi prestiti, con i tassi sui mutui decennali al 2% in Germania, mentre negli Stati Uniti i mutui trentennali sono saliti al 5,25%, il livello più alto dal 2010.

In questo contesto, sia la Fed che la Bce alzeranno i loro tassi d'interesse. Per la Fed, pare probabile un nuovo intervallo obiettivo compreso tra il 2,5% e il 2,75%, se non leggermente superiore. La Bce, dal canto suo, dovrebbe riportare il tasso sui depositi in territorio positivo entro fine anno. Non è escluso nemmeno un aumento del tasso repo nel 2022.

Fare pronostici sul futuro andamento dell'inflazione appare più complesso. Se negli Usa le singole componenti incluse nel calcolo dell'inflazione sono già in calo o salgono solo lentamente, i costi degli affitti e per la costruzione di case hanno appena iniziato a crescere. In Europa, la fiammata dei prezzi dell'energia è decisiva per l'andamento dell'inflazione. Fare previsioni sull'evoluzione futura è difficile visti i possibili boicottaggi e una produzione energetica dipendente dai venti e dai livelli d'acqua. D'altra parte, ci saranno interventi governativi di dimensioni non ancora quantificabili, che ridurranno l'inflazione ma faranno salire i livelli di debito pubblico.

Pertanto, non ci sentiamo di escludere un nuovo lieve rialzo dell'inflazione nel secondo trimestre sia negli Usa che in Europa, ma non oltre il 10% e a fine anno la dinamica inflazionistica dovrebbe rallentare. Per dicembre 2022 ci aspettiamo comunque tassi d'inflazione superiori al 5%, forse addirittura del 6%. L'andamento dell'inflazione a lungo termine nel 2023 e nel 2024 e la conseguente evoluzione dei tassi d'interesse delle banche centrali saranno tuttavia ancora più decisivi per il futuro sviluppo dei tassi a lunga scadenza. Si tratta di un'area che offre terreno fertile alle speculazioni, visto che le certezze sono ben poche. Anche il ridimensionamento del bilancio della banca centrale statunitense e l'interruzione degli acquisti da parte della Bce potrebbero creare distorsioni. Nessuno sa chi si sostituirà alle banche centrali in qualità di acquirenti. Un aumento almeno temporaneo del rendimento dei bund decennali all'1,25% e di quello dei treasury Usa di pari scadenza al 3,25% nel secondo trimestre appare probabile. Dopodiché, però, il mercato dovrebbe conoscere una tregua. I rendimenti sono già saliti enormemente e le incertezze su ciò che ci riserverà il 2023 sono estremamente numerose. In ogni caso, visti gli esorbitanti tassi d'inflazione, escludiamo un'ulteriore ripresa economica sia negli Stati Uniti che nell'area euro. Sono due gli scenari possibili: o l'economia si indebolirà per prima, facendo rallentare l'inflazione e rendendo meno necessario un intervento della banca centrale, oppure livelli di inflazione persistentemente elevati smorzeranno il sentiment dei consumatori, causando una grave recessione economica. In ogni caso, la crescita nel primo trimestre del 2022 ha già evidenziato un netto indebolimento, con il prodotto nazionale lordo negli Stati Uniti che è addirittura sceso leggermente rispetto al trimestre precedente.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo