Quantcast

Scenari/Axa Im

Azionario: paura di un’escalation della guerra, le trimestrali non bastano

“Nelle prossime settimane, l'evoluzione dell'inflazione e l’aumento dei tassi al di là dell'Atlantico dovrebbero essere il principale focus degli investitori. Le due variabili rimangono fondamentali nel determinare la politica monetaria e continueranno a dettare l'andamento dei mercati azionari.” L’analisi a cura di Gilles Guibout, gestore del fondo Axa Wf Framlington Italy

Stiamo davvero tornando agli anni ’70?

L’incertezza sui mercati azionari dovuta all’aumento dei tassi d’interesse e ad un rallentamento della crescita crea caos fra gli investitori. L’analisi di Gilles Guibout, gestore del fondo Axa Wf Framlington Italy, si propone di fornire suggerimenti agli investitori su come contenere il più possibile le perdite legate all’attuale situazione dei mercati azionari europei.


“Inflazione elevata, potenziale rallentamento della crescita, e rialzi dei tassi d’interesse stanno portando molta incertezza sui mercati azionari. Dobbiamo aspettarci che la volatilità resti. Tuttavia, le pubblicazioni di risultati trimestrali di buona qualità, hanno consentito ai mercati europei di moderare le perdite.
 
I mercati azionari europei hanno dovuto affrontare molti venti contrari ad aprile. A livello geopolitico, la guerra in Ucraina si sta impantanando mentre continua l'escalation verbale. A livello sanitario, la politica “zero Covid” della Cina sta portando a lockdown impressionanti e al perdurare dei problemi logistici globali che colpiscono fortemente alcuni settori. A livello economico, infine, l'inflazione continua a sorprendere al rialzo, giustificando la stretta monetaria della Federal Reserve e il rafforzamento del dollaro. Le pubblicazioni trimestrali, che sono piuttosto di buona qualità, hanno consentito ai mercati europei di moderare i ribassi.
 
Le buone trimestrali non bastano
Anche sul mercato italiano, come su tutti i mercati europei, hanno pesato le preoccupazioni per un intervento più aggressivo da parte delle banche centrali, il rialzo dell’inflazione, e la paura per una possibile escalation del conflitto in Ucraina.
Nel mese di aprile i settori difensivi come le utility e i beni del consumo di base hanno giocato il loro ruolo di settori “rifugio”. I titoli dell’energia hanno approfittato ancora di un contesto di prezzi elevati. Al contrario, nonostante i buoni risultati trimestrali, i titoli tecnologici e del consumo di beni durevoli, maggiormente sensibili al ciclo economico, sono stati venduti sotto la pressione dell’aumento dei tassi a lungo e dell’inflazione, che pesano sui multipli di valutazione e sulle prospettive di consumo. 
 
Occhi puntati su evoluzione dell’inflazione e aumento dei tassi
Nelle prossime settimane, al di là delle possibili ripercussioni della guerra in Ucraina, in particolare sulle forniture di gas all'Europa, l'evoluzione dell'inflazione e l'entità dell'aumento dei tassi al di là dell'Atlantico dovrebbero essere il principale focus degli investitori.
Le due variabili inflazione e tassi rimangono fondamentali nel determinare la politica monetaria e continueranno a dettare l'andamento dei mercati azionari. La volatilità dovrebbe rimanere elevata in questo periodo di tensione e scarsa visibilità.
Le forti rotazioni tra growth e value potrebbero continuare fino a quando le prospettive di crescita e le aspettative d’inflazione non si stabilizzeranno.
Riteniamo quindi più che mai opportuno mantenere un portafoglio equilibrato, limitando i pregiudizi di fattore e/o stile. Continuiamo ad essere selettivi nella scelta dei titoli e, pur continuando a privilegiare le società che offrono un reale potenziale di crescita del fatturato e/o dei margini, siamo anche alla ricerca di società che abbiano avviato un processo di trasformazione credibile del loro modello economico offrendo la prospettiva di un aumento della redditività e un potenziale di rivalutazione”.
 
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo