Consulenza

Azimut si gode la raccolta e mette Abu Dhabi nel mirino

Gennaio tutto d’oro per il gruppo presieduto da Pietro Giuliani, che fa registrare una produzione netta positiva di 554 milioni di euro. Presto aperto un secondo ufficio negli Emirati Arabi Uniti

PIETRO GIULIANI

Pietro Giuliani, presidente di Azimut Holding

Il gruppo Azimut ha registrato nel mese di gennaio 2019 una raccolta netta positiva per 554 milioni.
 Il totale delle masse comprensive del risparmio amministrato si attesta a fine gennaio a 53 miliardi, di cui € 41,5 miliardi fanno riferimento alle masse gestite.Il gruppo, infine, ha in programma l’apertura di un secondo ufficio negli Emirati Arabi Uniti, e precisamente nell’Abu Dhabi Global Market, a seguito dell’approvazione “in-principle” ottenuta dal regolatore locale grazie alla quale potrà operare offrendo una piattaforma completa di servizi di asset management. L’ufficio includerà un team di gestione locale e rafforzerà l’offerta per clienti istituzionali con soluzioni di investimento globali grazie alle competenze del Gruppo. Pietro Giuliani, presidente del gruppo, commenta: “Il nuovo anno si è aperto con un andamento positivo sia della raccolta, che con oltre 550 milioni di euro ci vede al vertice delle società quotate per flussi in entrata a gennaio, sia della performance media ponderata netta al cliente che, con un +3,5% da inizio anno, rimane oltre l’1% superiore a quella dell’industria. Alla base di questi risultati l’unicità del nostro modello di business, focalizzato sulla qualità della gestione e dei servizi di consulenza, e il contributo sempre più rilevante delle attività svolte all’estero dalle società del gruppo.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo