Quantcast

Relazione Annuale Ocf

Donne consulenti, presenza che cresce  

Si chiude un anno positivo per l'Organismo dei consulenti finanziari (Ocf) presieduto da Carla Rabitti Bedogni. Da segnalare l'intervento del presidente Consob Paolo Savona che ha espresso la necessità di "quadruplicare il tempo dedicato alla formazione" degli addetti ai lavori

Donne consulenti, presenza che cresce  

«Cresce la presenza delle donne tra i consulenti finanziari anche se ancora rappresentano solo un quinto del totale e c’è ancora molto da fare per incrementare la loro presenza». È quanto emerge dalla Relazione sull'attività svolta dall'Organismo consulenti finanziari (Ocf) nell'anno 2021 illustrata nella Nuova Aula dei gruppi parlamentari, alla Camera, dalla presidente Carla Rabitti Bedogni

Nonostante il prolungamento dell’emergenza Covid, il 2021 è stato un anno positivo per Ocf. Gli iscritti infatti sono aumenti in tutte e tre le sezioni. In particolare, dalla sezione dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede arrivano dati in crescita. I provvedimenti di iscrizione sono stati 2.735 (+84,5%) mentre le cancellazioni sono state 2.467 (-22,1%). In totale i consulenti nei primi quattro mesi del 2022 sono 52.267 in crescita dello 0,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un aumento che riguarda soprattutto le donne, che sono cresciute del 2,4%. Le iscritte all’organismo di vigilanza sono 11.493, il 22,1% del totale mentre nel 2020 erano il 21,7%. È rimasto pressoché stabile invece il numero dei consulenti finanziari di sesso maschile. L’interesse delle donne verso la professione è confermato poi dal fatto che il 34,5% delle domande di iscrizione alle prove valutative è pervenuto da donne. 

L'Ocf ha altre due sezioni dell'albo nella quale sono iscritti anche 428 consulenti finanziari autonomi e 49 società di consulenza finanziaria. Nel 2021 l'attività di vigilanza ha determinato l’adozione di sanzioni amministrative nei confronti di 109 iscritti, in particolare, 99 consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, 8 consulenti finanziari autonomi e 2 società di consulenza finanziaria. Con riferimento ai provvedimenti di natura sanzionatoria sono state deliberate 23 radiazioni dall’albo, 30 sospensioni dall’albo per un periodo che va da un minimo di uno a un massimo di quattro mesi, 37 sanzioni pecuniarie di importo pari ad euro 516, 17 richiami scritti e 2 archiviazioni. 

Alla presentazione della Relazione è intervenuto anche il vicepresidente della Camera Ettore Rosato, il quale ha ricordato l’importanza che riveste il risparmio per la nostra economia. «Questa enorme liquidità è un’opportunità per il nostro Paese. Abbiamo tutto l'interesse che queste risorse non rimangano giacenti nei conti correnti, ma vengano investite e contribuiscano allo sviluppo e alla crescita dell'Italia». Quanto alla consulenza finanziaria, ha precisato, contribuisce «a innalzare la qualità delle scelte economico-finanziarie e la consapevolezza di tale scelte da parte dei risparmiatori».

Il presidente della Consob Paolo Savona nel suo intervento si è soffermato sulla  formazione professionale. «L’attività preziosa che si sta svolgendo nell’attività al l’educazione finanziaria deve essere rivista e messa a punto»,  ha spiegato. «L’ultima indagine a livello europeo sui tempi dedicati alla formazione in Italia ci dice che l’alta dirigenza spende 29 ore all’anno, i quadri 46 ore, gli impiegati 37 e gli operai 43 ore. La situazione dice in pratica che dedichiamo il 2/3% annuo del nostro tempo alla formazione. Questi dati come minimo vanno triplicati o quadruplicati e soprattutto a livello dell’alta dirigenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo