Quantcast

Gestioni passive

Da Invesco due Etf Esg su obbligazioni societarie europee

A caratterizzarli è l’investimento multifattoriale che mira ad attenuare i potenziali squilibri introdotti dai criteri Esg

Etf a rischio greenwashing in attesa di una tassonomia europea

Invesco lancia due Etf destinati agli investitori orientati alla sostenibilità che ricercano un’esposizione a obbligazioni societarie denominate in euro: Invesco Eur Corporate Bond Esg Multi-Factor Ucits Etf e Invesco EUR Corporate Bond Esg Short Duration Multi-Factor Ucits Etf.

I nuovi Etf, che si avvalgono delle competenze del team Invesco Quantitative Strategies  offrono una serie di esposizioni articolate sull’intero spettro di scadenze o focalizzate solo sulla duration breve, ossia obbligazioni con una scadenza residua non superiore a cinque anni.

Franco Rossetti, head of Etf di Invesco Italia, ha dichiarato: “L’obbligazionario è diventato molto più interessante quest’anno. I rendimenti del credito europeo sono ai massimi dell’ultimo decennio grazie alla combinazione di aspettative di tassi d’interesse più elevati e spread più ampi rispetto ai titoli di Stato. Gli investitori obbligazionari hanno a disposizione una gamma di scelta più ampia rispetto agli ultimi anni. Questi Etf consentono agli investitori di allineare il portafoglio alle loro view economiche, investendo in tutta la curva delle scadenze qualora ritengano che i rendimenti siano prossimi al picco, oppure concentrandosi sulle scadenze brevi nel caso in cui temano che i tassi d’interesse possano salire a livelli ancora più elevati di quelli ora scontati dal mercato.”

Ciascuno dei nuovi Etf Invesco investe in un portafoglio di obbligazioni societarie principalmente a tasso fisso, non garantite e denominate in euro, di emittenti globali con rating creditizio investment grade, articolate nell’intera gamma di scadenze oppure, nel caso dello Short Duration Etf, aventi una scadenza residua non superiore a cinque anni. Fino al 30% di ogni portafoglio può essere investito in obbligazioni societarie non garantite denominate in altre valute, con il rischio di cambio coperto in euro, a discrezione del gestore degli investimenti. I titoli sono selezionati in funzione della loro conformità alla politica Esg del fondo.

I restanti titoli idonei sono quindi sottoposti a un processo d’investimento quantitativo che produce un indicatore della loro attrattività in funzione di tre fattori principali: value, low volatility e carry. Sulla base di questi tre fattori si creano i portafogli individuali che vengono poi combinati in modo da far sì che ogni singolo fattore apporti un uguale contributo al rischio. Questo overlay fattoriale mira ad attenuare i potenziali squilibri tra i fattori introdotti dai criteri Esg.

I lanci di questi fondi portano a 28 il numero degli Etf Esg nella gamma Invesco, comprendente esposizioni azionarie e obbligazionarie quasi per ogni regione geografica ed Etf tematici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo