Quantcast

Fondi

Tonfo record per il fondo sovrano norvegese

La perdita di 170 miliardi di euro nel primo semestre azzera i guadagni dello scorso anno. I dettagli riportati dalla stampa del Paese

Tonfo record per il fondo sovrano norvegese

(foto di Barnabas Davoti, pexels.com)

Il fondo sovrano norvegese, il più grande al mondo per asset (oltre 1.100 miliardi di euro), ha perso il 14,4% nel primo semestre del 2022.

Il valore di mercato del fondo è diminuito di 1.680 miliardi di corone (circa 170 miliardi di euro) a 11.657 miliardi di corone nei primi sei mesi dell'anno. Il rendimento degli investimenti azionari del fondo è stato del -17%. Il ritorno sugli investimenti nel reddito fisso è stato del -9,3 per cento, mentre gli investimenti in immobili non quotati hanno restituito il 7,1%. Il rendimento delle infrastrutture di energia rinnovabile non quotate è stato del -13,3%.Il rendimento del fondo è stato di 1,44 punti percentuali, ovvero 156 miliardi di corone, superiore al rendimento dell'indice di riferimento.

Nello stesso periodo, lo scorso anno, il fondo sovrano guadagnava quasi 100 miliardi in un semestre Nel primo semestre aveva registrato un rendimento del 9,4%, ovvero un guadagno di 990 miliardi di corone (94,7 miliardi di euro), grazie soprattutto ai suoi asset azionari, che rappresentavano il 72,4% del suo portafoglio

Nicolai Tangen, ceo di Norges Bank Investment Management, il ramo della banca centrale norvegese che gestisce il fondo, ha così commentato il tonfo: "Il mercato è stato caratterizzato da tassi di interesse in aumento, alta inflazione e guerra in Europa. Gli investimenti in azioni sono in calo fino al 17%. I titoli tecnologici hanno registrato un andamento particolarmente negativo con un rendimento del -28%". Tutti i settori hanno registrato rendimenti negativi, ad eccezione dell'energia.

"Nella prima metà dell'anno, il settore energetico ha guadagnato il 13%. Abbiamo assistito a forti aumenti dei prezzi di petrolio, gas e prodotti raffinati", spiega Tangen, come ripreso dai media del Paese. "La corona si è deprezzata rispetto a molte delle principali valute durante il trimestre. I movimenti valutari hanno contribuito ad aumentare il valore del fondo di 642 miliardi di corone. Nella prima metà dell'anno, l'afflusso nel fondo è stato di 356 miliardi di corone".

Al 30 giugno 2022, il 68,5% del fondo era investito in azioni, il 28,3% in reddito fisso, il 3% in immobili non quotati e lo 0,1% in infrastrutture di energia rinnovabile non quotate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo