Banche

21 nuove aziende nella piattaforma Elite con Banca Mediolanum

La prima Elite Banca Mediolanum Lounge sfocia nell'ingresso di 21 società italiane nella piattaforma Elite

Massimo Doris ad Mediolanum

Massimo Doris, ad Banca Mediolanum

Mediolanum porta nella piattaforma Elite 21 nuove società italiane per l'avvio della prima Elite Banca Mediolanum Lounge. Elite, il programma internazionale del London Stock Exchange Group nato in Borsa Italiana nel 2012 con la collaborazione di Confindustria e dedicato alle aziende ambiziose con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita. supera così quota 1.100 aziende con 1.104 società da 40 Paesi e ricavi aggregati di oltre 82 miliardi di Euro per oltre 478.000 posti di lavoro; sono 678 le società italiane nel programma. Le nuove società che entrano nella community Elite sono rappresentative di 12 diversi settori: dall'entertainment alla moda, dall'industria al food. Le 21 aziende provengono da 8 diverse regioni italiane: Lombardia, Emilia Romagna, Sicilia, Umbria, Veneto, Abruzzo, Lazio e Marche e presentano un fatturato aggregato di 1,3 miliardi di Euro e un totale di 6.000 dipendenti. ''Il lancio della prima Elite Banca Mediolanum Lounge - dice Massimo Doris, amministratore celegato di Banca Mediolanum - rappresenta un ulteriore importante passo sul percorso di crescita e innovazione che l'azienda da sempre persegue come obiettivo prioritario e che nel corso degli ultimi anni ci ha permesso sempre più di costruire e consolidare il rapporto fiduciario con i clienti imprenditori e dunque con le loro piccole e medie imprese''. ''Siamo felici di annunciare la partnership con Banca Mediolanum – dice Luca Peyrano, Ceo di Elite - e di dare il benvenuto a un nuovo gruppo di 21 aziende italiane che entrano in ELITE grazie alla Elite Banca Mediolanum Lounge. Le nuove società ammesse rappresentano numerosi settori di eccellenza del tessuto imprenditoriale del nostro Paese. Grazie a Elite e Banca Mediolanum, avranno accesso a ulteriori competenze e a nuovi capitali per finanziare la crescita. Crediamo fortemente che il futuro del nostro Paese sia strettamente collegato alla capacità di valorizzare quello delle sue aziende più virtuose: Elite gioca un ruolo cruciale nel raggiungimento di questo obiettivo''. ''Siamo sempre stati convinti – ha aggiunto Doris - che il nostro tessuto imprenditoriale rappresenti un patrimonio imprescindibile per un sistema paese produttivo, competitivo, orientato al futuro e pronto a cogliere le sfide internazionali che lo aspettano, e che per farlo con successo occorra un più agevole accesso a strumenti di finanziamento alternativi a quello del credito bancario. Ne è prova concreta il nostro esserci mossi come veri e propri apripista per l'intera industry in materia di PIR divenendone subito leader di mercato''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo