provvedimenti

Ok alla Commissione bilaterale su banche e finanza. La guiderà Paragone?

Dopo il Senato anche la Camera vota a favore delle istituzione della Commissione, le cui competenze vanno dai crediti deteriorati alla verifica delle attività degli organismi di vigilanza e delle agenzie di rating. E' al vaglio dei deputati l'istituzione di una procura sugli stessi temi

Camera dei Deputati: approvata Commissione su banche e finanza

Montecitorio

La Camera dei Deputati ha approvato stamattina l'istituzione della Commissione bicamerale di inchiesta, composta da 20 deputati e 20 senatori, sul sistema bancario e finanziario che avrà la durata di una legislatura (cinque anni). Il provvedimento, già votato dal Senato, ha ottenuto 412 voti favorevoli, un contrario e tre astenuti. Le indiscrezioni di palazzo vogliono tra i candidati alla presidenza il senatore pentastellato Gianluigi Paragone tra i promotori della creazione di questo organismo.

Da un convegno a Firenze Antonio Patuelli, presidente di Abi, si dice d'accordo. "Sono stato a favore di ogni forma d'inchiesta giudiziaria e di commissione d'inchiesta parlamentare da tre anni e mezzo a questa parte. Di conseguenza, quando venne istituita nella scorsa legislatura ero già favorevole alla sua istituzione prima, lo rimango ovviamente anche in questa nuova legislatura".

Di cosa si occuperà questa commissione? Redigerà report mensili e una relazione annuale da presentare alle due Camere del Parlamento sull'attività svolta e "eventuali proposte di modifica al quadro normativo sulle materie oggetto dell'inchiesta". Secondo quanto riporta il sito di Rainews24, le competenze dell'organismo sono varie, a partire dall'analisi della documentazione raccolta dalla Commissione della scorsa legislatura. Si va dalla valutaizione delle norme in materia di incompatibilità e conflitto d'interesse dei vertici e dirigenti delle Autorità di vigilanza (Bankitalia, Consob, Ivass, Covip) a un focus attento sulle condizioni del risparmio in Italia considerando anche le gestioni separate dei fondi per le prestazioni assicurative e previdenziali.

La commissione si occuperà anche della verifica del progetto di Unione bancaria europea con particolare attenzione per il rischio di credito commerciale e al rischio di mercato e per l'operato delle agenzie di rating. Raines24 aggiunge ulteriori particolari sul raggio d'azione del nuovo organismo: crediti deteriorati, anatocismo, strumenti derivati, Gacs, fondazioni bancarie e l'attività di vigilanza sul sistema bancario e sui mercati finanziari. "Faro anche sugli istituti in crisi o dissesto e destinatari di risorse pubbliche o sottoposti a risoluzione. Saranno poi oggetto di attenzione la disciplina europea e italiana sul sistema bancario e finanziario e sul sistema di vigilanza e lo strumento di conciliazione dell'arbitrato bancario". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo