banche

Carige, aumento di capitale da 630 milioni

L'isituto di credito ha bisogno di un rafforzamento patrimoniale che le consenta lo smaltimento dei crediti deteriorati e il rimborso del bond subordinato da 320 milioni emesso in autunno

Carige, aumento capitale da 630 milioni in arrivo

Nuovo aumento di capitale da 630 milioni di euro per Carige. L'istituto di credito lo comunica oggi e annuncia l'aumento entro il primo semestre. L'obiettivo, come riportato da Radiocor Plus è "rafforzare patrimonialmente la banca per finanziare lo smaltimento dei crediti deteriorati (per il Sole24Ore 1,8-2 miliardi di euro su un totale di 3,6), rimborsare contestualmente il bond subordinato da 320 milioni emesso in autunno e sottoscritto dallo Schema Volontario. E' quanto indicato nel piano industriale al 2023 che prevede di portare la banca a break even gia' nel 2020. Per quanto riguarda la cessione di crediti deteriorati, l'istituto ha in mano una offerta vincolante per cedere 1,9 miliardi di euro lordi di deteriorati e prevede di raggiungere un rapporto tra deteriorati e impieghi totali (Npe ratio) al 6-7% a fine novembre. Al 31 dicembre 2018 la banca ha riportato perdite nette per 272,8 milioni di euro".

Come riportato dal Sole, la banca punta anche ad una razionalizzazione della rete delle filiali, con un taglio di quelle periferiche. Inoltre, una volta liberata da crediti deteriorati e spese eccessive, la banca punterebbe a nuovi acquirenti. "Si parla delle manifestazioni d’interesse da parte della divisione private equity dell’asset manager Usa Blackrock e di Apollo, a cui si aggiungerebbero anche Värde Partners e Barents. Alla finestra però potrebbero esserci anche le banche italiane, che prenderebbero in considerazione il dossier solo a determinate condizioni", aggiunge il quotidiano economico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo