credito

Riforma Euribor per mutui, se ne riparla nel 2022

Il rinvio dà agli istituti di credito altri due anni di tempo per adattare i prodotti ai tassi ibridi previsti dalla riforma. I tassi sono ancora in via di definizione da parte dell’European money markets institute

Riforma Euribor per mutui, se ne riparla nel 2022

Niente da fare per per la Benchmark Regulation (Bmr). Il sito del Sole24Ore stamattina ha dato la notizia dello slittamento al 2022 dell’entrata in vigore della riforma degli Euribor che regolano i mutui a tasso variabile. 

Il rinvio dà agli istituti di credito altri due anni di tempo per adattare i prodotti ai tassi ibridi previsti dalla riforma e ancora in via di definizione da parte dell’European money markets institute. “Ma è l’intero mondo finanziario a tirare forse un sospiro di sollievo, perché a quel parametro e all’Eonia restano ancora indicizzati prestiti per un valore di 2.900 miliardi di euro e strumenti di debito per ulteriori 360 miliardi fra titoli di Stato, bond bancari e aziendali”, scrive il giornale degli Industriali.

Il rinvio deciso dall’Ue è rivolto ai fornitori di benchmark critici che avranno tempo fino a fine 2021 per adattarsi ai nuovi requisiti. “Introducendo anche due anni supplementari per il riconoscimento o l’approvazione dei parametri prodotti al di fuori dell’euro (quindi in valute differenti)”.

“La decisione Ue”, aggiunge il quotidiano economico, “è arrivata insieme all’accordo politico raggiunto ieri dal Parlamento europeo e dagli Stati membri su una nuova generazione di benchmark legati alle emissioni di carbonio, necessari per contribuire a rafforzare gli investimenti in progetti e attività sostenibili (Esg, acronimo di Environmental, social e governance). Regole che Parlamento e Consiglio Ue devono ancora approvare formalmente”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo