Quantcast

vigilanza

Consob, risparmiatori truffati nel mirino di finti recupero crediti

L'Autorità di vigilanza pubblica sul proprio sito un avviso riguardo a presunte offerte di assistenza legale rivolte ad ignari risparmiatori già vittime di precedenti truffe

Risparmiatori truffati attenti a finti recuperi credito

Quella dei truffatori è una categoria professionale che non conosce crisi; e più un settore è vicino al denaro più il rischio diventa alto. L’ultima allerta la lancia Consob contro “presunte offerte di assistenza legale rivolte ad ignari risparmiatori già vittime di precedenti truffe, ai quali viene prospettata, dietro il versamento di un corrispettivo in denaro, un'iniziativa di recupero crediti legati alle perdite subite nell'ambito di frodi finanziarie”. L’avvertenza è stata pubblicata oggi dall’Autorità di vigilanza sul proprio sito internet.
 
La presunta attività di recupero crediti, si legge nella nota, è promossa da soggetti che operano tramite società i cui nomi talvolta evocano per assonanza note istituzioni finanziarie. L'obiettivo sembra essere quello di trarre in inganno una seconda volta i risparmiatori già caduti nella trappola di una truffa. In alcuni casi viene usato impropriamente il logo della stessa Consob nel tentativo di accreditarsi come operatori qualificati, titolari di un incarico.
 
Il contesto informativo ad oggi ricostruito da Consob nell'ambito della sua attività di vigilanza porta a ritenere che i promotori di queste iniziative possano essere a conoscenza delle vittime di truffe finanziarie ad opera di intermediari abusivi e che le offerte di assistenza per il recupero crediti possano essere in
alcuni casi riconducibili agli stessi soggetti responsabili delle truffe. Consob richiama l'attenzione su un fenomeno che sembra configurarsi come un'attività criminale, volta a perpetrare una doppia truffa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo