martedì, 20 Febbraio 2024

Hsbc, previsioni disattese: pesa rallentamento Cina

Il 90% dei profitti della prima banca europea viene dall’Asia, e in gran parte dal Dragone, il cui rallentamento insieme alla caduta dei mercati azionari ha provocato un calo dei ricavi

Hsbc, la più grande banca europea, ha lanciato l’ennesimo allarme per l’economia globale, riportando risultati annuali peggiori rispetto alle previsioni. Hsbc realizza il 90% dei suoi profitti in Asia, dove il rallentamento della crescita economica cinese e la caduta dei mercati azionari, che peraltro stanno danneggiando anche gli utili di altre banche, hanno provocato un profitto nel quarto trimestre più basso rispetto a un anno fa, con i costi che crescono più velocemente dei ricavi. Anche nel suo Paese, il Regno Unito, Hsbc ha registrato una crescita dei prestiti non rimborsati così come concordato, e teme che l’incertezza economica britannica possa peggiorare la situazione. Hsbc ha la reputazione di evitare i prestiti rischiosi, quindi se anche i mutuatari scelti con cura stanno flirtando con il default, le altre banche britanniche potrebbero ottenere un danno peggiore. La Borsa britannica ha reagito con un calo delle azioni Hsbc del 4%, sia per la delusione per i profitti inferiori alle previsioni sia per la stima della stessa Hsbc secondo cui l’incertezza geopolitica in corso sta offuscando il futuro dei suoi due mercati chiave: il Regno Unito e l’Asia. C’era chi sperava in un annuncio da parte di Hsbc di un nuovo programma di riacquisto di azioni, per migliorare i rendimenti per i restanti azionisti. Ma non è andata così, proprio mentre la rivale Rbs annunciava un dividendo più alto del previsto per i propri azionisti. In Cina, dove si svolge gran parte delle attività asiatiche di Hsbc, le banche commerciali locali stanno considerando di seguire le orme della Banca di Cina, emettendo obbligazioni prive di data di rimborso, una sorta di obbligazioni perpetue, al fine di sostenere i loro saldi di cassa. Il colosso bancario europeo Santander offre obbligazioni simili, ma si è recentemente rifiutato di riacquistarle, il che potrebbe far salire i tassi di interesse che gli investitori chiedono alle banche cinesi.

Condividi articolo:

Iscriviti

Popolari

Gli articoli giorno per giorno

Febbraio 2019
LMMGVSD
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728 

Altri articoli
Correlati

Quaestio sgr: nuovi ingressi rafforzano il team d’investimento

Sono in tutto tre i nuovi gestori che andranno...

Bnp Paribas Reim: 4 ‘regole d’oro’ per accedere al credito e investire nell’immobilare

“Quello iniziato nel febbraio del 2022 verrà ricordato come...

Ubp: anche nel 2024 gli Usa continueranno a crescere, seguiti da Spagna e Giappone

Secondo Michaël Lok, group Cio e Co-Ceo asset management...