Salone del risparmio 2019

Esg, al Salone la parola d’ordine è sostenibilità

Inizia oggi la prima delle tre giornate della manifestazione dedicata al risparmio gestito organizzata da Assogestioni al MiCo di Milano. Ambiente, governance e sociale, al centro degli incontri

Esg, la parola d’ordine è sostenibilità. Il risparmio gestito non è più lo stesso

dal numero di Economy - aprile in edicola

Pronti, via! È partita stamattina 2 aprile l’edizione 2019 Salone del Risparmio, l’evento interamente dedicato alla gestione del risparmio. Organizzato da Assogestioni, l’associazione italiana dei gestori del risparmio che rappresenta oltre 300 tra società di gestione del risparmio, sim, gestori esteri, banche e assicurazioni – il Salone del Risparmio dura tre giorni: i primi due, dal taglio B2B, sono riservati a operatori e stakeholder del settore. La terza giornata è aperta gratuitamente anche agli investitori privati, sia chi investe già nei prodotti del risparmio gestito, sia chi si avvicina per la prima volta al settore e desidera saperne di più. Anche questa edizione si tiene al MiCo, Milano Congressi dal 2 al 4 aprile. Sono oltre 150 i marchi presenti e più di 100 le conferenze in programma, per un totale di oltre 230 relatori nazionali e internazionali e sono attesi ben 15 mila visitatori
 
Sostenibilità, il filo conduttore. Il tema di quest’anno è “Sostenibile, responsabile, inclusivo. La frontiera del risparmio gestito”, di forte attualità che risponde al cambiamento in corso anche nel mondo finanziario: negli ultimianni il focus su ambiente, responsabilità sociale e governance è infatti condiviso e accolto dalle istituzioni nazionali ed europee ma anche dall’industria del gestito, dagli investitori, dai consulentifinanziari e tre giorni il fitto calendario di appuntamenti,attraverso dibattiti, conferenze, seminari formativi e la testimonianza di esperti nazionali e internazionali, esaminerà i mutamentiche stanno rivoluzionando il rapporto tra finanza, economia e rispetto per gli equilibri naturali e sociali.
 
In particolare il 2 aprile si parlerà di risparmio sostenibile e responsabilità sociale con un particolare focus sulle tematiche di attualità che coinvolgono l’industria del risparmio gestito, sulle riforme e le normative che possono migliorare la capacità del settore di veicolare il risparmio verso l’economia reale. Il 3 aprile, i riflettori saranno puntati sulrisparmio responsabile e inclusivo.
 
Secondo il Fondo Monetario Internazionale la piena occupazione femminile porterebbe non solo 268 miliardi in più al Pil italiano, ma anche a un beneficio qualitativo derivante da una maggiore sensibilità delle donne verso gli investimenti Esg. Infine il4 aprile, nella giornata conclusiva del Salone, spazio ai temi della distribuzione e del risparmio consapevole: si parlerà della relazione tra industria, tessuto produttivo e individui, rivolgendo l’attenzione a tutte le iniziative che possano contribuire alla crescita organica del Paese.
 
Le conferenze. Più in dettaglio ecco i temi centrali delle conferenze organizzate da Assogestioni. Si parte il 2 aprile (ore 16.30 – Sala White) con la conferenza dal titolo “Non di solo Environment vive l’Esg: Il ruolo delle variabili sociali nella sostenibilità degli investimenti” che si focalizza su come, anche le variabili sociali, meritino l’attenzione di asset owner e asset manager: da una parte le opportunità offerte dagli investimenti nelle cosiddette infrastrutture “sociali” a progetti impact, dall’altra i problemi che possono nascere dal non riconoscere o sottovalutare i rischi reputazionali, legali e operativi legati a una scarsa attenzione alle cosiddette variabili sociali (tra cui sicurezza sul lavoro, diritti umani, diversity, formazione).
 
A confronto sul tema tra gli altri Maurizio Agazzi, segretario generale di Assofondipensione e Francesco Bicciato, segretario generale del Forum della Finanza Sostenibile. Il 3 aprile (ore 9.30 – Sala Blue1) nella conferenza dal titolo “L’Italia è pronta per la sostenibilità? Investimenti Esg, un cammino lungo 20 anni”, realizzata in collaborazione con Banca Generali, Assogestioni affronta il tema di come l’industria del gestito possa giocare responsabilmente il proprio ruolo nell’era dello sviluppo sostenibile e di come gli operatori si siano attrezzati per sviluppare competenze ed offerte che integrino i criteri Esg nelle politiche di gestione. In questa occasione Assogestioni presenta la ricerca commissionata a Finer sul livello di conoscenza e sensibilità verso questi temi del mondo del gestito italiano, sia dal punto di vista della domanda che dell’offerta.
 
La ricerca, la prima strutturata sul tema, sta coinvolgendo in questi giorni 1000 investitori finali, segmentati per tipologiaed entità degli investimenti finanziari (da diecimila euro a oltreun milione di euro) e 700 professionisti, tra consulenti finanziari, private banker, dipendenti bancari, fund selector e asset manager, e fornisce, come dichiara Nicola Ronchetti, ceo di Finer Finance Explorer, “informazioni chiare e puntuali, sul futuro degliinvestimenti Esg nonché la corretta identificazione del profilodi chi è interessato a investire in fondi Esg e l’individuazione di eventuali leve e barriere che costituiscono la chiave del successo per la proposizione di questo tipo di investimenti”.
 
La conferenza in programma il 3 aprile “Non solo Iorp 2. Le prospettive di fondi pensione e Casse di previdenza tra novità normative, investimenti alternativi e criteri Esg” (ore 11.15 – sala Yellow3) è dedicata alle novità normative, opportunità e tendenze di mercato, relative ai fondi pensione e alle Casse di previdenza. All’interventodi apertura affidato alla Commissione di Vigilanza sui fondipensione (Covip) sulle principali novità per il settore della previdenza complementare a partire dalla direttiva Iorp 2, seguirà un confronto tra gestori, fondi pensione e Casse di previdenza con particolare attenzione ai temi degli investimenti alternativi, dei criteri Esg e dell’investimento nelle piccole e medie imprese.

È dedicata alla diversity, alla parità di trattamento e di opportunità la conferenza in programma il 3 aprile (ore 16.30 – Sala Red1) dal titolo ‘Diversità e inclusione: una sfida per il settore’ dove, in un confronto tutto al femminile con le rappresentanti dell’industria, Assogestioni prova a fare il punto su questi temi a partire dalla recente istituzione del Comitato Diversity, che si propone di sensibilizzare le Sgr all’adozione di politiche di diversità.
 
Gran chiusura con Sachs. Il 4 aprile (ore 15 – Sala Silver) è prevista la plenaria di chiusura dal titolo “2030: la conquista della sostenibilità. Quanto sono lontani e come raggiungere i Sustainable Development Goal” vedrà il keynote speaker Jeffrey Sachs, uno dei massimi esperti a livello mondiale in tema di sviluppo economico, macroeconomia e lotta alla povertà, condividere col pubblico del Salone come il settore del gestito possa contribuire al raggiungimento degli obiettivi contenuti nei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite. Tra gli ospiti della tavola rotonda sul tema Aldo Ravazzi, chief economist del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Stefano Pareglio, membro del cda Atm e il giornalista Giovanni Minoli.
 
Le iniziative speciali. Con il Salone del Risparmio 2019 infine giunge alla sua terzaedizione Il tuo Capitale Umano, il programma promosso da Assogestioni che si propone di avvicinare i giovani a una carriera nel risparmio gestito. Un’occasione dedicata a neolaureati e laureandi con competenze di tipo gestionale, economico, giuridico e quantitativo per conoscere le opportunità lavorative offerte dall’industria del risparmio gestito in Italia ed entrare in contatto diretto con le principali società del settore.

In particolare in sede di Salone del Risparmio, è prevista una giornata di formazione e orientamento giovedì 4 aprile dedicata agli studenti durante la quale sarà possibile: incontrare i rappresentanti di Sgr italiane ed estere, assistere alla conferenza e ascoltare le testimonianze di chi lavora nel settore, partecipare alle selezioni per i tirocini offerti dalle Sgr.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo