il caso

Processo Mps: i Pm chiedono carcere, multe e confische milionarie a ex vertici e banche

Per la vicenda dell'acquisto di Antonveneta, la procura di Milano ha fatto richiesta di oltre 800milioni di euro di confische nei confronti di Deutsch Bank e Nomura

Moody’ bastona ancora il Monte dei Paschi

Otto anni di reclusione e 4 milioni di multa per l’ex presidente Giuseppe Mussari e sei anni più 1,5 milioni di multa per Gianluca Baldassari, ex direttore finanziario. Sono queste le richieste di condanna, principalmente per aggiotaggio, avanzate dai pubblici ministeri nei confronti dei vecchi vertici di Mps. Ne scrive oggi il Sole 24 Ore.

Insieme a loro, i giudici Giordano Baggio, Mauro Lerici e Stefano Civardi hanno richiesto la condanna di altre otto persone e l’assoluzione di altre due. Tutti ex manager di Deutsche Bank (per la quale è stata richiesta una confisca da 440,9 milioni di euro), Nomura (per il quale, la confisca richiesta è di ben 444,8 milioni) e Mps. 

Il processo, avviato dalla procura di Siena nel 2013 e poi trasferito a Milano, verte intorno al reato di aggiotaggio che sarebbe stato perpetrato nell'uso dei prodotti finanziari derivati nelle operazioni  Alexandria, Fresh, Santorini e Chianti. Intorno al principale, verte una galassia di altri reati contestati, quali falso in prospetto e ostacolo all’autorità di vigilanza, manipolazione del mercato e falso in bilancio. 

Al centro del processo, il dubbio che, quello che nel 2008 permise l’acquisizione da 9 miliardi di Antonveneta, non fu un vero aumento di capitale. In compenso, i soldi che furono tolti dalle casse dell’istituto, portandolo al fallimento tecnico, erano più che reali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo