conti 2019

Efma: cresce la domanda di fondi obbligazionari, calano gli azionari

Arrivano i dati dell'associazione dei fondi e dell'asset management europeo sul mercato degli Ucits e Aif. La raccolta netta passa da 46 miliardi di euro a 79 miliardi del quarto trimestre 2018

Efma: cresce la domanda di fondi obbligazionari, calano gli azionari

L'Efma (European Fund and Asset Management Association) ha pubblicato oggi la sua versione statistica trimestrale che descrive le tendenze nel settore dei fondi di investimento europei nel primo trimestre del 2019 con dati e indicatori chiave per ciascun paese membro dell'associazione.

Il primo trimestre del 2019 è stato caratterizzato da tre importanti sviluppi nel settore dei fondi di investimento europei: un forte aumento del patrimonio netto di OICVM e fondi di investimento alternativi, trainato dal rimbalzo dei mercati finanziari; l'aumento del 7,8% del patrimonio netto degli OICVM, attestandosi a 10,004 miliardi di euro; un patrimonio netto dei fondi di investimento alternativi in aumento del 6,4% a 6,247 miliardi.

In forte aumento della domanda di fondi obbligazionari in risposta al passaggio verso una politica monetaria più accomodante in Europa e negli Stati Uniti. Infatti le vendite nette di OICVM e dei fondi obbligazionari dei fondi di investimento alternativi sono risultate positive nel primo trimestre del 2019, con una raccolta netta di 82 miliardi di euro, rispetto ai deflussi netti di 48 miliardi di euro nel quarto trimestre del 2018. 

I fondi obbligazionari OICVM hanno registrato una raccolta netta di 79 miliardi di euro, rispetto ai deflussi netti di 46 miliardi del quarto trimestre 2018. Inoltre i fondi obbligazionari AIF hanno registrato un'inversione dei flussi, da esborsi netti di 2 miliardi nel quarto trimestre 2018 a flussi netti di 3 miliardi di euro nel primo trimestre del 2019.

Le vendite nette degli azionari, invece, segnano un ribasso delle vendite a fronte di una crescita economica più debole.

I deflussi delle vendite nette di fondi azionari OICVM e AIF si attestano a 38 miliardi di euro, a fronte di una raccolta netta di 3 miliardi di euro nel quarto trimestre del 2018.

I fondi azionari di OICVM hanno registrano deflussi netti di 27 miliardi dietro, rispetto ai deflussi netti di 7 miliardi di EUR nel quarto trimestre 2018; mentre gli azionari AIF hanno registrato deflussi netti di 11 miliardi, contro una raccolta netta di 4 miliardi nel quarto trimestre del 2018

"Dopo le sfide che l'industria ha dovuto affrontare nel 2018 e che ha provocato deflussi netti nel quarto trimestre, le vendite che abbiamo visto nel primo trimestre hanno rappresentato uno sviluppo positivo per l'industria", commenta Bernard Delbecque, senior director for economics and research, il quale non nasconde che "i deflussi netti dai fondi azionari hanno confermato che la fiducia degli investitori nei mercati azionari deve ancora tornare". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo