pagamenti

Nexi e Union Pay puntano a conquistare il mercato euro-cinese entro il 2021

Oggi le carte dell'emettitore cinese sono riconosciute da 100mila attività commerciali grazie al ponte offerto dai processi di pagamento di Nexi

Nexi e Union Pay puntano a conquistare il mercato euro-cinese entro il 2021

Nexi parte per la Cina grazie a un accordo con UnionPay (gruppo China UnionPay). Il Sole 24 Ore scrive oggi di una partnership con l'unico emettitore di carte di credito autorizzato nella Repubblica Popolare, che permetterà alla società dei servizi digitali per la finanza di diventare punto di riferimento per i turisti orientali in Europa. 

China UnionPay ha in programma di concludere, entro il 2021, la fase di omologazione delle sue carte per essere pronta entro l'anno successivo a rinforzare la propria presenza in Europa. 

Attualmente le carte dell'emettitore cinese sono riconosciute da 100mila attività commerciali in Italia, grazie al ponte offerto dai processi di pagamento di Nexi. I due soggetti adesso lavoreranno per estendere tale validità a tutti gli esercenti convenzionati con la paytech bancaria. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo