assicurazioni

Il broker digitale di quattro giovani italiani presentato ad Amburgo

Digital Insurance Broker, che nasce nasce dalla joint venture tra quattro connazionali (Emanuele Corsico Piccolini, Marco Amato, Luca Fiore e Caterina Amato) e Consulbrokers Spa, sul palcoscenico di 12hrs.com, massima rassegna di start-up innovative

La start-up insurtech DIB al convegno di 12hrs.us, il network delle aziende innovative

Una scommessa nata quasi per caso e trasformatasi rapidamente in una sfida: è questa la storia che ha portato fino al palcoscenico di 12hrs.com la start-up Digital Insurance Broker, nata dalla joint tra quattro giovani manager (Emanuele Corsico Piccolini, Marco Amato, Luca Fiore e Caterina Amato) e Consulbrokers Spa, una delle aziende leader dell industria del insurance-brokerage con una presenza capillare in Italia, e sedi a Dubai e Londra.

Nel 2018 abbiamo celebrato 30 anni di attività nell’industria del brokeraggio assicurativo e abbiamo deciso di sostenere questa idea per gettato lo sguardo sul futuro del nostro mestiere (Alfredo Amato, Consulbrokers)

Nella sede della Hamburg School of Business Administration i ragazzi di DIB, unici italiani invitati, hanno raccontato la loro idea a 12hrs.us, il più importante network di start up europeo e uno dei più importanti al mondo, in occasione di una conferenza sull’impatto delle trasformazioni digitali, accanto a giganti mondiali come Accenture, PwC, Philips, IBM e Google.

“Abbiamo scommesso un anno fa su questo progetto", spiega Alfredo Amato (in foto), ceo di Consulbrokers. "Nel 2018 abbiamo celebrato 30 anni di attività nell’industria del brokeraggio assicurativo e abbiamo deciso di sostenere questa idea per gettato lo sguardo sul futuro del nostro mestiere; partire con un riconoscimento così importante come quello ottenuto durante questo importante evento internazionale  è la dimostrazione che l’incontro tra esperienza e innovazione sono il vero motore dell’imprenditoria italiana”.

Il progetto DIB è cresciuto anche grazie alla consulenza strategica di MindLab, spin off dell’Università degli Studi di Milano Bicocca. La nuova piattaforma si pone come strumento per innovare il mercato del brokeraggio assicurativo, proponendo una soluzione in grado di analizzare il rischio di imprese di ogni dimensione in tempo reale e di metterlo in relazione con il mercato assicurativo.

“Siamo orgogliosi di essere stati gli unici italiani chiamati per la propria Business Idea a relazionare qui ad Amburgo", commenta Emanuele Corsico Piccolini, uno dei fondatori di DIB, "e siamo felici che la nostra proposta sia stata apprezzata per il suo volto umano, cioè per il fatto che siamo
particolarmente attenti alla protezione delle persone e delle imprese, con lo scopo principale di apportare un beneficio reale alla vita di tutti i giorni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo