fintech & vigilanza

Banca d'Italia sceglie Primeur per la gestione del suo sistema di scambio dati

L'MFT da Bankitalia, affidato per i prossimi cinque anni alla società svizzera, consiste nell'attività di scambio, con la Bce e le altre Banche Centrali, dei dati sul sistema finanziario e sull'attività di vigilanza

Banca d'Italia sceglie Primeur per la gestione del suo sistema di scambio dati

Primeur si è aggiudicata il bando quinquennale da oltre 8 milioni di euro di Banca d'Italia, per la fornitura della soluzione di Managed File Transfer, che consentirà all'istituto di scambiare dati e file con oltre 1.200 istituti finanziari, con l'Istat, con la Consob, con la Banca Centrale Europea (BCE) e il Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC)

La soluzione proposta da Primeur, si legge su PR Newswire, prevede l'installazione di Primeur Ghibli Next Hybrid Integration Platform - MFT Solution nell'infrastruttura di Banca d'Italia, per permettere lo scambio di dati e file tra le applicazioni interne e con le controparti esterne, secondo i requisiti di massima sicurezza, scalabilità ed efficienza richiesti.

I valori differenzianti del sistema sono la capacità di adattarsi alle infrastrutture esistenti stratificate nel tempo e complesse, come quella della Banca, senza modificare le applicazioni, ma anche la possibilità di riuso dei flussi d'integrazione già disegnati e l'apertura della piattaforma, che consente di integrare software di terze parti.

L'MFT di Banca d'Italia (in foto il suo governatore, Ignazio Visco) costituisce il core per lo scambio dei dati, raccolti nell'espletamento delle funzioni di vigilanza e supervisione sui crediti e i rischi del sistema bancario nazionale, con la Banca Centrale Europea e le Banche Centrali Nazionali europee, per questo motivo il progetto è altamente strategico.

I dati raccolti e scambiati grazie a Primeur Ghibli Next - MFT Solution, infatti, compongono importanti indici sullo stato di salute e di rischio del sistema bancario nazionale ed europeo, alimentando, fra gli altri, i dati della Centrale Rischi, Anacredit (Analytical Credit Dataset, banca dati sui crediti concessi dal sistema bancario dell'eurozona) e RIAD (Register of Institutions and Affiliates Data), per questo l'aumentare del numero e del volume dei dati ha richiesto l'adozione di una soluzione più affidabile ed efficiente.

Primeur è una multinazionale con sede in Svizzera specializzata in soluzioni di enterprise data integration. I suoi principali clienti sono le top aziende "Fortune 500", banche e assicurazioni, industrie, largo consumo, energy & utilities, telco e pubblica amministrazione. Il gruppo è diffuso in Europa (Svizzera, Italia, Regno Unito, Irlanda, Spagna e Francia), in Tunisia, con filiali e uffici commerciali in Nord America e Latam.

"L'acquisizione di un cliente prestigioso come Banca d'Italia costituisce un importantissimo traguardo per Primeur. Le nostre soluzioni, già oggi considerate uno standard-de-facto nel mercato finanziario italiano, da oggi saranno anche a supporto della Banca Centrale Italiana che credo ci abbia scelto anche per la nostra capacità di giocare una partita diversa rispetto ai grandi competitor", afferma Stefano Musso (il secondo in foto), ceo di Primeur group.

"La nostra principale differenza sta nel saper ascoltare i nostri clienti e migliorare continuamente la nostra piattaforma grazie ai loro feedback. Questa capacità così semplice, ma anche fondamentale oggi è stata persa dalle grandi aziende ed è diventato per noi un vantaggio competitivo, aggiunge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo