Quantcast

economia reale

Upb: La domanda interna salverà la crescita, se l'Iva aumenterà

Le previsioni della private bank relative alla crescita italiana per l'anno prossimo sono del 0,7%. Ma se l'iva aumenterà, la percentuale si fermerà allo 0,4

Investimenti esteri, disimpegno in Italia per 6,3 miliardi

La ripresa, secondo l'Upb, sarà sostenuta dalla domanda finale interna. I consumi delle famiglie, si legge in un comunicato su Adnkronos, beneficerebbero delle misure a sostegno del reddito e del miglioramento del mercato del lavoro.

Le previsioni della private bank relative alla crescita italiana per l'anno prossimo sono del 0,7%. Ma se l'Iva aumenterà, la percentuale si fermerà allo 0,4.

L'occupazione, misurata in termini di unità di lavoro standard, è prevista crescere di mezzo punto percentuale nel biennio, mentre l'inflazione, misurata dal deflatore dei consumi, diminuirebbe rispetto al 2018, collocandosi stabilmente al di sotto di un punto percentuale in ciascun anno del biennio di previsione.

La variazione del Pil nominale, ''variabile cruciale ai fini della rilevazione del rapporto debito/Pil'', sarebbe dell'1,2% nel 2019 (dall'1,7% nel 2018), mentre si porterebbe poco sotto il 2% nel 2020.

''I fattori di rischio che incidono sulla previsione sono in prevalenza orientati al ribasso'', spiega l'Upb. Il quadro delineato sconta l'assenza di ulteriori restrizioni sul commercio internazionale e di nuovi shock di natura geo-politica, climatica e ambientale. Eventuali manifestazioni di tali ''eventi sfavorevoli accentuerebbero la volatilità sui mercati delle materie prime e valutari e inciderebbero sulla crescita globale'', conclude la banca privata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo