Quantcast

banche & conti

Unicredit: 10 mila posti in meno per ridurre i costi. Cisl: Pronti alla mobilitazione

Ancora nulla sulla distribuzione dei possibili tagli tra i 14 paesi Ue in cui il gruppo è presente e su quanti riguarderanno l'Italia. Ma nel frattempo i sindacati non perdono tempo. Uliva: "Sarà una battaglia durissima"

Mustier: Unicredit, performance da record nel 2018

L'amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier

Unicredit mette sul tavolo la possibilità di ben 10 mila esuberi sugli 86 mila, distribuiti tra i 14 paesi Ue, in cui il gruppo è presente, per puntare al taglio del 10% dei costi operativi. Ancora nulla sulla distribuzione di questi pesanti tagli e su quanti riguarderanno l'Italia. Ma nel frattempo i sindacati non perdono tempo. 

Il segretario generale di First Cisl, Riccardo Colombani, è molto chiaro: “Le indiscrezioni secondo cui UniCredit si appresta a varare il taglio di 10mila posti di lavoro sono estremamente preoccupanti. Se fossero confermate ci riserviamo di intraprendere tutte le azioni necessarie a tutelare i dipendenti della banca e il loro lavoro. “L'eventuale ricorso a misure così drastiche di contenimento", continua, "del costo del lavoro appare ancora più grave nel momento in cui i sindacati sono impegnati con l’Abi nella trattativa per il rinnovo del contratto nazionale". Massimo Masi, segretario della Uilca parla invece dell'avvicinarsi di una "battaglia durissima". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo