Risultati di giugno

Assogestioni, obbligazionari sugli scudi. Eurizon vince tra gli asset manager

Tra le sgr buoni risultati di raccolta netta per Morgan Stanley e Axa Im, mese negativo per Amundi, Invesco e M&G Investments

1 milioni di euro di raccolta netta

A giugno l’industria del risparmio gestito segna una raccolta netta di +1,5 miliardi di euro grazie all’apporto dei fondi aperti (+2,2 miliardi). Le gestioni di portafoglio registrano deflussi per -759 mln. Le sottoscrizioni nette del sistema da inizio anno superano i +47 miliardi.

Nuovo record storico per il patrimonio gestito che, per effetto della gestione e dell’andamento dei mercati, supera i 2.195 miliardi di euro. Il 51% degli aum, pari a 1.112 miliardi, è investito nelle gestioni di portafoglio; il restante 49%, circa 1.083 miliardi, è impiegato nelle gestioni collettive.

Tra i fondi aperti, le macrocategorie favorite dai risparmiatori italiani nel mese sono gli obbligazionari (+1,2mld), i monetari (+963mln), i flessibili (+345mln) ed i bilanciati (+193mln).

Per quanto attiene il ranking degli asset manager, il leader di giugno è il gruppo Intesa San Paolo con 2,4 miliardi di euro (risultato maturato grazie all'apporto di Eurizon), seguito a grande distanza da Morgan Stanley con 532 milioni, Ubs Am con 275 milioni, Axa Im con 251 milioni. Si distinguono invece in negativo Amundi che registra deflussi a giugno pari a -707 milioni di euro, Invesco -548 milioni e M&G Investments -323 milioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo