conti 2019

Azimut punta al mezzo miliardo di raccolta

La previsione per il mese di luglio è composta da 350 milioni di euro provenienti dal mercato italiano e 150 milioni dall’estero. Da inizio anno, il gruppo ha raggiunto la cifra netta di 3,2 miliardi

a

Pietro Giuliani, presidente di Azimut Holding

Azimut Holding prevede per luglio di realizzare una raccolta netta consolidata di 500 milioni di euro, di cui circa 350 milioni di euro dall’Italia (almeno 325 milioni di risparmio gestito) e 150 milioni dall’estero, il cui periodo di elaborazione dati è maggiore rispetto al solo business italiano. Il dato definitivo sulla raccolta netta verrà comunicato durante i primi giorni lavorativi del mese di agosto. 

Da inizio anno, includendo il dato previsionale di raccolta del mese di luglio, il gruppo raggiunge una raccolta netta di 3,2 miliardi di euro, di cui circa 1,2 miliardi dall’Italia. 

“Il dato rilevante dei flussi registrati in Italia è frutto dell’intensa attività svolta dai consulenti finanziari e wealth manager di Azimut", commenta Pietro Giuliani, presidente del gruppo, "a dimostrazione delle capacità di crescita che si riflettono per la clientela in una performance media ponderata netta da inizio anno di +6,9%. È un risultato che riteniamo segni un’inversione di tendenza rispetto a quanto conseguito l’anno scorso nello stesso periodo e che ci fa guardare con ottimismo al prosieguo dell’anno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo