conti 2019 | assogestioni

Risparmio gestito: patrimonio al suo massimo storico, in flessione la raccolta

Se le masse raggiungono il record di 2.209 miliardi di euro, le risorse dei sottoscrittori si riducono di 6,1 miliardi di. Gli italiani premiano i prodotti obbligazionari e si allontanano ancora dagli azionari

Risparmio gestito: patrimonio al suo massimo storico, in flessione la raccolta

Tommaso Corcos, presidente di Assogestioni

È stato un secondo trimestre con risultati opposti per il risparmio gestito in Italia. I dati di Assogestioni del presidente Tommaso Corcos rilevano una flessione per la raccolta di 6,1 miliardi di euro. La raccolta netta, da inizio anno ad oggi, raggiunge i +49,2 miliardi. Complessivamente le gestioni collettive hanno perso 2.3 miliardi, superate dalle gestioni di portafoglio che si attestano su -3,7 miliardi.

Questo andamento viene compensato da quello molto positivo delle masse che, grazie all’effetto della gestione, crescono fino a raggiungere un nuovo massimo storico a 2.209 miliardi. La cifra è equamente distribuita tra il patrimonio delle gestioni collettive (49,6%) e gestioni di portafoglio (50,4%).

leggi anche | Assoreti: nuovo record storico per il patrimonio

Le scelte di investimento dei sottoscrittori italiani sono orientate principalmente verso i prodotti obbligazionari (+1,9 miliardi), i monetari (+1,3 miliardi) e i bilanciati (+643 milioni). Complessivamente i fondi di lungo termine perdono quasi 5 miliardi, con il primato negativo degli azionari (-4 miliardi) e dei flessibili (-3.239 miliardi)

Prosegue la performance negativa dei fondi aperti PIR compilano che riportano deflussi per -348,3mln. Il loro patrimonio promosso a fine giugno 2019 ammonta a 18,5 miliardi. 

Nel secondo trimestre le migliori performance di raccolta sono state quelle Eurizon e Fideuram Am (gruppo Intesa Sanpaolo) con 1.305,2 milioni di euro (400,7 miliardi di patrimonio gestito); Ubs Am con 549 milioni di euro (patrimonio in gestione di 12 miliardi); e Credit Suisse che con la sua divisione di asset management ha raggiunto i 498,4 milioni di euro (e 13 miliardi di masse gestite).

I risultati peggiori invece sono stati quelli di Soprarno ferma a 20,7 milioni di euro di raccolta (595 milioni di patrimonio gestito); Pensplan Invest con 22,5 milioni di euro (493 di patrimonializzazione); e l'asset management del gruppo Sella con 34,8 milioni di euro di raccolta (7,4 miliardi di Aum).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo