m&a

Fusione in arrivo tra Tinley e Smith & Williamson

Le due aziende daranno vita a un colosso del risparmio gestito da 1,8 miliardi di sterline che opererà nei mercati di Gran Bretagna, Irlanda e Isole del Canale

Fusione in arrivo tra Tinley e Smith & Williamson

Entro il prossimo anno Smith & Williamson e la controllata dai fondi Permira, Tilney, si fonderanno dando vita a Tiney Smith & Williamson, soggetto che opererà nel mercato UK del wealth management e della fornitura di servizi professionali.

Il nuovo gruppo avrà un'enorme rete di consulenti, tra cui circa 280 gestori degli investimenti, 260 pianificatori finanziari e un'attività di servizi professionali con circa 150 partner e direttori (Chris Woodhouse, ad Tilney)

L'unione dei due business darà vita al principale gruppo integrato di servizi di gestione patrimoniale e servizi professionali nel Regno Unito, offrendo una gamma ineguagliabile di servizi a valore aggiunto incentrati su clienti privati, aziende e enti di beneficenza.

Smith & Williamson riconoscerà ai propri azionisti corrispettivo valutato in 625 milioni di sterline, una parte in contanti e un'altra in titoli che costituiranno il nuovo gruppo, nel cui patrimonio netto confluiranno tutte le sottoscrizioni.

La transazione darà vita ad una società dal valore di circa 1,8 miliardi di sterline; l'unione delle due attività porterà il fatturato a circa 500 milioni con un EBITDA di 150 milioni

Oltre alla sua solida esperienza nella gestione degli investimenti, Tilney è leader di mercato nella pianificazione finanziaria e vanta una pluripremiata piattaforma di investimenti digitali, la Bestinvest. Dal canto suo, Smith & Williamson è uno dei gestori degli investimenti più rispettati nel Regno Unito, offrendo una competenza di primo piano nella consulenza fiscale e rientra tra le dieci migliori società di contabilità del Regno Unito.

“Tilney Smith & Williamson saranno responsabili per oltre 45 miliardi di sterline di beni dei clienti, di cui l'80% è in mandati o fondi", commenta Chris Woodhouse (in foto), ad di Tilney. "Avrà un numero significativo di consulenti di fiducia, tra cui circa 280 gestori degli investimenti, 260 pianificatori finanziari e un'attività di servizi professionali con circa 150 partner e direttori".
 
Gli obiettivi della fusione:

  • Creare una proposta cliente unica e differenziata, che comprenda servizi professionali, pianificazione finanziaria e gestione degli investimenti.
  • Approfittare della rete estesa di uffici in 36 città distribuite tra Regno Unito, Irlanda e Isole del Canale fornire servizi di investimento in grado di soddisfare l'intera gamma delle esigenze di investimento dei clienti, inclusi investimenti di sola esecuzione, servizi di consulenza sugli investimenti, gestione degli investimenti discrezionale gestita centralmente e su misura. 
  • Avere una potente capacità multicanale nelle sue attività di pianificazione degli investimenti e di pianificazione finanziaria, consentendo ai clienti di interagire nel modo che meglio si adatta a loro, tra cui faccia a faccia, una piattaforma online e al telefono.
  • Fornire ai clienti continuità nel rapporto con il loro gestore degli investimenti, pianificatore finanziario o team di servizi professionali.
  • Maggiori investimenti in tecnologia a beneficio dei propri clienti.

Il consiglio di amministrazione di Tilney Smith e Williamson comprenderà rappresentanti di entrambe le società. Il presidente sarà Will Samuel e Chris Woodhouse sarà il direttore generale del gruppo. Kevin Stopps e David Cobb, co-ceo di Smith & Williamson, entreranno a far parte del cda del gruppo allargato. Ulteriori dettagli del consiglio congiunto saranno resi noti successivamente.

leggi anche | Permira investe nella consulenza tecnologica per studi legali di Axiom

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo