Quantcast

finanziamenti europei

Bei presta 400 milioni a Poste italiane

Il prestito è destinato alla realizzazione di 80 progetti in diversi settori, con iniziative che comprendono l'installazione di pannelli fotovoltaici in 661 edifici postali

Bei presta 400 milioni a Poste italiane destinati a investimenti

Poste Italiane ha ottenuto dalla Banca europea per gli investimenti (BEI) un finanziamento di 400 milioni di euro che contribuirà a "facilitare il piano strategico pluriennale denominato Deliver 2022".

Il prestito servirà a finanziarie anche la modernizzazione ed automatizzazione delle operazioni logistiche

In particolare, si legge su Adnkronos, il prestito è destinato alla realizzazione di 80 progetti in diversi settori, con iniziative che comprendono l'installazione di pannelli fotovoltaici in 661 edifici postali e l'adeguamento degli edifici ai più avanzati standard di efficienza energetica.

Verranno finanziate anche: la modernizzazione ed automatizzazione delle operazioni logistiche con il miglioramento dei processi di automatizzazione nello smistamento pacchi;

l'ammodernamento delle dotazioni infrastrutturali e strumentali degli uffici postali situati nelle 'regioni coesione' del Sud Italia e la trasformazione digitale con lo scopo di semplificare ed ottimizzare la customer experience.

leggi anche | Bei chiude il rubinetto alle fonti fossili dal 2021. Compreso il gas

"La nostra grande attenzione per il digitale, l'innovazione tecnologica e l'ambiente, cogliendo l'opportunità di sostenere a condizioni competitive i nostri programmi di crescita in aree chiave del nostro business", commenta l'ad di Poste, Matteo Del Fante. "Proseguiamo nell'attuazione del nostro piano strategico Deliver 2022 aumentando la sicurezza e migliorando le condizioni di lavoro in azienda, innalzando gli standard ambientali e dando nuovo impulso all'automazione dei centri logistici.''

"Siamo al fianco di Poste Italiane in tutti i suoi piani di investimento, perchè in ogni angolo d'Italia Poste è un punto di riferimento affidabile per la popolazione", aggiunge Dario Scannapieco, vicepresidente della Bei. "Di rilievo è la programmazione di ammodernamento degli uffici sulla base dei più aggiornati criteri di efficientamento energetico: come banca della UE siamo da anni e saremo sempre più in futuro attenti a progetti di contrasto al cambiamento climatico''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo