Quantcast

Conti 2019

Banca del Ticino vende 297 milioni di euro di Npl

Alla cartolarizzazione partecipa Zenith Service nei ruoli di corporale servicer e rappresentante degli obbligazionisti. Si tratta della prima cessione di crediti in sofferenza per l'istituto di credito

Volksbank cede 55 milioni di euro di Npl a Arrow Global

Anche Banca del Ticino inizia la stagione delle cartolarizzazioni. L'istituto di credito ha messo sul mercato 297 milioni di euro in crediti in sofferenza e all'operazione ha partecipato Zenith Service che vi partecipa nel ruolo di corporate servicer e rappresentante degli obbligazionisti.

Secondo quanto si legge in una nota, i crediti derivano da finanziamenti ipotecari o chirografari, aperture di credito e sconfinamenti di conto corrente vantati verso debitori classificati dalla banca cedente come past due, unlikely to pay e a sofferenza.

L'operazione è strutturata tramite la società veicolo 'Fucino NPL's', si legge su Adnkronos. Servicer è Amco (Asset Management Company), ex Società per la Gestione di Attività (Sga), detenuta al 100% dal ministero dell'Economia e delle Finanze.

la cartolarizzazione si inserisce all'interno del piano di dismissioni di Banca Fucino e segue il via libera della Banca Centrale Europea alla fusione di Banca Igea Banca in Banca del Fucino. I titoli asset-backed, emessi dalla SPV, sono stati emessi in tre classi e collocati ad investitori istituzionali mediante piazzamento privato.

"Siamo felici di aver contribuito ad una operazione strategica dello storico istituto romano, grazie al nostro track record nei crediti NPL con oltre 20 miliardi in gestione in qualità di Master Servicer", ha commentato Umberto Rasori (in foto), amministratore delegato di Zenith Service.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo