banche & bancari

CheBanca, First-Cisl contro il taglio ai premi per i dipendenti

Il confronto tra azienda e sindacati sui sistemi incentivanti si è interrotto e nei prossimi giorni si svolgeranno le assemblee su tutto il territorio nazionale

First Cisl: Calcolare le retribuzioni dei ceo a obiettivi come la tutela del risparmi

Riccardo Colombani, segretario generale First Cisl

“Una decisione del tutto inaccettabile”. Così il segretario generale di First Cisl, Riccardo Colombani, definisce il taglio di oltre il 30% dei premi destinati ai lavoratori da parte di CheBanca!. Il confronto tra azienda e sindacati sui sistemi incentivanti si è interrotto e nei prossimi giorni si svolgeranno le assemblee su tutto il territorio nazionale.

“La banca non ha voluto tenere conto degli ottimi risultati ottenuti dai lavoratori, che sono andati oltre gli obiettivi fissati. La cosa particolarmente grave per noi", nota Colombani, "è che in CheBanca First Cisl si è battuta affinché, caso pressoché unico del settore, si arrivasse ad un’intesa per regolamentare il tema dei sistemi incentivanti”.

La decisione assunta unilateralmente dall’azienda, sottolinea il delegato nazionale First Cisl di gruppo, Maurizio Gemelli (in foto), “appare inoltre in netto contrasto con l’ottimismo sbandierato sulla stampa riguardo all’andamento dei conti nell’ultimo anno, contraddistinto da trend in forte crescita sia per le masse sia per i ricavi sia per gli utili”.

Per queste ragioni First Cisl, sostengono Colombani e Gemelli, “non è più disposta a tollerare scelte che minano la fiducia in un dialogo costruttivo e, soprattutto, che penalizzano pesantemente i lavoratori, ai quali non viene riconosciuto il merito dei risultati conseguiti”.

leggi anche | CheBanca! trimestre ok, crescono ricavi e utile lordo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo