pagamenti digitali

Per Codacons l'obbligo del Pos è giusto, "ma un costo per le imprese"

L'associazione preferirebbe un azzeramento dei costi di transazione per i pagamenti sotto i 30 euro, invece dell'obbligo del pagamento con carta inserito in manovra dal governo

Per Codacons l'obbligo del Pos è giusto, "ma un costo per le imprese"

Il Codacons "condivide le preoccupazioni di Confesercenti circa le ripercussioni per le imprese derivanti dall'obbligo del Pos" e lancia l'allarme "rincari per i consumatori italiani legati alla misura introdotta in manovra di bilancio".

"Siamo favorevoli all'obbligo per esercenti di accettare i pagamenti con carta", commenta il presidente del Codacons, Carlo Rienzi (in foto). "Ma è innegabile che tale misura comporterà costi ingenti che, inevitabilmente, saranno scaricati sui consumatori finali, attraverso un incremento dei prezzi al dettaglio e delle tariffe".

"Tra costi di installazione, gestione dei Pos e commissioni interbancarie, ogni famiglia rischia di subire un aggravio di spesa pari a +77 euro annui, nel caso in cui i costi dei pagamenti elettronici saranno interamente trasferiti sui consumatori", calcola Rienzi.

"Per tale motivo", si legge in un lancio Adnkronos, "ribadiamo la richiesta al governo di trattare con le banche per azzerare del tutto commissioni e costi sui pagamenti al di sotto dei 30 euro, così da alleggerire i costi per le imprese ed evitare l'ennesima stangata per le tasche delle famiglie, che si tradurrà in una contrazione dei consumi come conseguenza dei rincari dei listini al dettaglio".

leggi anche | Le transazioni cashless possono diminuire l'emissione di Co2 del 44%

leggi anche | La stretta di Bankitalia sull'uso dei contanti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo