conti 2019

Banca Generali, utile netto in crescita del 44%

Nei primi nove mesi dell'anno si chiude in positivo per l'istituto dell'ad Gian Maria Mossa. I ricavi totali si attestano a 408,4 milioni (+23%), mentre i costi operativi si fermano a 155,7 milioni (+8,6%)

Gian Maria Mossa, ad e direttore generale di Banca Generali

Gian Maria Mossa, ad e direttore generale di Banca Generali

Il consiglio di amministrazione di Banca Generali ha approvato, con il presidente Giancarlo Fancel (in foto), i risultati consolidati dei primi nove mesi 2019. L'amministratore delegato e direttore generale, Gian Maria Mossa, si dice soddisfatto "per un 2019 che si sta confermando il migliore nella storia della banca".

Risultati economici consolidati al 30 settembre 2019. I primi nove mesi del 2019 si sono chiusi con il miglior risultato di periodo nella storia della banca con un utile netto cresciuto del 44% a €196 milioni.

La forte crescita è stata trainata dallo sviluppo delle attività ricorrenti (+18% a €103 milioni l’utile core al netto delle voci variabili dai mercati) e in particolare dal crescente contributo delle iniziative legate alla diversificazione dei prodotti e servizi, come indicato nelle priorità del piano strategico triennale.

Il risultato dei nove mesi ha inoltre beneficiato della significativa espansione dimensionale, oltre che di un contesto dei mercati finanziari più favorevole rispetto allo scorso anno. Le masse gestite e amministrate sono salite a 66,1 miliardi (+15% da inizio anno), grazie ai nuovi flussi netti di accolta per 3,8 miliardi (il 6,6% delle masse iniziali4), alla performance delle masse pari a 3,7 miliardi (+6,4%) e al consolidamento della neo-acquisita Nextam Partners (1,1 miliardi di masse). Includendo anche le masse della neo-controllata svizzera – BG Valeur- le masse complessive si attesterebbero a 67,2 miliardi, con un progresso di quasi 10 miliardi, rispetto ai 57,5 miliardi di inizio anno.

Esaminando nello specifico le principali voci di bilancio si segnala: che il margine di intermediazione è aumentato del 23% a 408,4 milioni (+19% al netto delle rettifiche legate ai nuovi principi contabili). L’incremento ha beneficiato della crescita del margine d’interesse e delle commissioni ricorrenti (gestione, sottoscrizione e bancarie) con un profilo di sempre maggiore diversificazione.

Al risultato ha contribuito anche l’incremento delle voci di ricavo legate alla dinamica positiva dei mercati; in particolare le performance fees, in virtù dell’ottima performance generata per i clienti (+6,4% netta, +7,5% sui prodotti gestiti e assicurativi).

Le commissioni di gestione sono risultate pari a €476,9 milioni, in linea rispetto ai €478,7 milioni dello scorso esercizio, evidenziando una costante ripresa a livello trimestrale dopo la contrazione del quarto trimestre 2018 legata all’eccezionale volatilità del periodo. Parallelamente, si segnala l’incremento delle commissioni bancarie e di sottoscrizione (€59,8 milioni +16,3%) con il decisivo contributo delle attività di Consulenza Evoluta (BGPA) e delle nuove soluzioni sul fronte dei certificati e private placement.

Il margine finanziario si è attestato a 63,2 milioni di euro contro i 66,3 milioni dello scorso anno. Al risultato ha contribuito il forte progresso del margine d’interesse (53,9 milioni +22%, +28% su 4 8,8% su base annualizzata 5 Applicazione IFRS 15 e 16 basi omogenee) 6 a fronte di una significativa contrazione delle componenti legate al trading.

L’incremento del margine d’interesse è stato guidato dal forte incremento degli attivi fruttiferi nel periodo (11 miliardi, +21% da inizio anno) e al miglioramento dei rendimento del portafoglio finanziario, grazie al reinvestimento a tassi più elevati dei titoli in scadenza e di una crescente parte della liquidità. Il portafoglio di tesoreria della banca a fine periodo si attestava a 7,9 miliardi (+39% da inizio anno) confermando un profilo d’investimento prudente in termini di duracino complessiva pari a 1,6 anni e una maturity di 3,2 anni.

I costi operativi sono risultati di €155,7 milioni contro i 143,3 milioni dell’esercizio precedente. La variazione, oltre all’accelerazione impressa a tutti i progetti strategici previsti nel piano triennale, include alcune poste di carattere straordinario per 3,8 milioni (trasferimento degli uffici direzionali, costi per le attività di M&A, applicazione del nuovo principio IFRS 16) e il contributo legato al consolidamento di Nextam per 1,2 milioni. Al netto di queste componenti straordinarie, i costi operativi della banca hanno mostrato una variazione del 5,8%.

Gli indici di efficienza operativa hanno messo a segno un ulteriore progresso: l’incidenza dei costi sulle masse totali è scesa a 31 bps (34 bps a fine 2018) e il cost/income ratio si è ridotto ulteriormente al 39% (dal 42,3% di fine 2018) pur con la rettifica7 per le componenti non ricorrenti quali le performance fees.

Il risultato del periodo include infine accantonamenti e rettifiche di valore nette per 15,3 milioni con un contrazione rispetto ai 20,7 milioni nello scorso esercizio legata al miglioramento del profilo di rischio dei titoli di Stato italiani detenuti in portafoglio nelle valutazioni collettive in applicazione dei principi di valutazione previsti dall’IFRS 9.

Risultati economici del terzo trimestre 2019. L’utile netto del terzo trimestre del 2019 è aumentato del 46,1% a 63,2 milioni. Al risultato ha contribuito la crescita del margine di intermediazione (135,7 milioni, +25,1%) trainata dall’incremento del margine d’interesse e delle commissioni ricorrenti, oltre che per effetto di una leggera contrazione delle commissioni passive per il minore costo della crescita. 

I costi operativi (€54,8 milioni, +10,3%) hanno risentito dei maggiori oneri one-off legati al trasferimento degli uffici, ai costi per le iniziative di crescita esterna e all’avvio delle partnership a cui si aggiungono i costi legati al primo consolidamento di Nextam.

I Ratios di Capitale al 30 settembre 2019. I ratios patrimoniali si sono confermati a fine periodo su livelli di eccellenza: il CET 1 ratio si è attestato al 16,5% (17,5 % a fine 2018) e il Total Capital ratio (TCR) al 17,8% (19% a fine 2018). 6 Escludendo impatto IFRS 16 7 Cost/Income al netto di componenti straordinarie (performance fees, fondi bancari BRRD, operazioni straordinarie)

Il risultato è tanto più positivo in considerazione del fatto che nel periodo sono stati assorbiti due elementi di discontinuità rispetto alla chiusura dell’esercizio 2018, e in particolare: l’adozione del nuovo principio contabile IFRS 168 che ha comportato un impatto straordinario sul relativo requisito patrimoniale pari a 86 bps per il CET1 ratio e 93 bps per il Total capital ratio (TCR) rispettivamente e, in secondo luogo, il consolidamento della neo-acquisita Nextam che ha comportato un impatto straordinario pari a 65 bps sul CET1 ratio e sul TCR.

Raccolta netta e masse in gestione (Aum) Le masse totali al 30 settembre 2019 hanno raggiunto il nuovo massimo storico a 66,1 miliardi (+15% da inizio anno). Il dato include 1,1 miliardi legati al consolidamento della neo-acquisita Nextam (+13% su basi omogenee).

Le soluzioni gestite sono salite a 31,4 miliardi (+15% da inizio anno, +11% al netto di Nextam) con un effetto importante derivante delle performance realizzate nel periodo sfruttando il favorevole andamento dei mercati. Nel periodo si è distinta particolarmente la crescita nella nuova Sicav lussemburghese, Lux Im. La Sicav, lanciata ad aprile 2018, conta già oltre 60 comparti e masse complessive che hanno raggiunto i 9,5 miliardi (+48% da inizio anno).

La persistente avversione al rischio di una larga parte della clientela ha portato ad un sensibile incremento delle soluzioni assicurative tradizionali (16,4 miliardi, +6% da inizio anno) e soprattutto delle liquidità depositata in conto corrente (9,1 miliardi, +28% da inizio anno).

Si registra inoltre un forte incremento delle soluzioni di risparmio amministrato di riflesso al continuo potenziamento dell’attività di advisory e delle proposte di investimento (titoli in negoziazione, private placement, soluzioni illiquide, private certificates). Si segnala in particolare che le masse in consulenza evoluta (BGPA) sono aumentate di 2.1 miliardi da inizio anno a 4,4 miliardi a fine settembre, attestandosi al 6,7% delle masse complessive.

Nei primi 9 mesi dell’anno la raccolta netta è stata pari a 3,8 miliardi equamente suddivisa in 1,9 miliardi di euro di soluzioni gestite e assicurative, e 1,9 miliardi in conti correnti e risparmio amministrato. La componente gestita ha mostrato in particolare una forte accelerazione nel terzo trimestre, grazie alla crescente domanda per le nuove classi retail della Sicav lussemburghese, Lux Im. Prevedibile evoluzione della gestione

La crescita della raccolta sottende una forza della domanda che apre a prospettive interessanti per l’ultima parte dell’anno. L’ampliamento della gamma gestita, con le novità nell’offerta tematica di Lux Im e nell’ambito degli investimenti assicurativi, stanno incontrando risposte positive così come 8 Il nuovo principio contabile IFRS 16 ha comportato la rilevazione di nuove attività materiali immobilizzate pari a 136 milioni con conseguente effetto straordinario sul relativo requisito patrimoniale.

L’incertezza geo-politica e alcuni nodi politico-economici come il confronto commerciale Usa-Cina e la Brexit continuano a dominare la scena sui mercati, così come le prossime mosse delle banche centrali che cercano di soppesare gli stimoli allo sviluppo con le dinamiche dei tassi negativi che a loro volta acuiscono le criticità per il sistema finanziario. In questo contesto i risparmiatori guardano con prudenza alle prospettive degli investimenti, trovando minore appeal in un quadro di bassi rendimenti e criticità dietro l’angolo.

La solidità della banca, la versatilità della sua offerta e le competenze dei propri consulenti, stanno dimostrando di rispondere in modo efficace a questi bisogni di protezione e valorizzazione del patrimonio, soprattutto tra quei clienti con le esigenze più complesse come gli imprenditori che necessitano di un approccio senza conflitti di interesse nelle valutazioni sui propri beni.

Il completamento dell’acquisizione di Nextam e BG Valeur segnano passi in avanti nella fascia alta del risparmio andando a rafforzare il posizionamento e la competitività della banca in un segmento, quello del private, dove continua a guadagnare quote di mercato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo