scenari | Bny Mellon

Il rifugio nel metallo giallo controlla volatilità dei mercati

"L'oro è lontano dal sistema del credito e ciò lo rende una polizza assicurativa in tempi di stress per i mercati del debito". L'analisi di Catherine Doyle

Il rifugio nel metallo giallo controlla volatilità dei mercati

L’intervento delle Banche Centrali ha generato fragilità e distorsioni sui mercati finanziari. I persistenti stimoli monetari, usati per affrontare le difficoltà strutturali della crescita economica, hanno sottoposto le valute sottostanti a molti asset finanziari a un rischio di progressiva svalutazione e volatilità". L'analisi di Catherine Doyle, investment strategist, Bny Mellon Global Real Return Fund

Per questa ragione, può essere utile diversificare una parte del portafoglio in attivi che siano esterni all’attuale sistema finanziario guidato dal debito.

In quest’ottica, l’oro non è una passività; non è una promessa di pagamento, e pertanto non è parte del sistema del credito. Questo lo rende un’ottima polizza assicurativa in tempi di stress per i mercati del debito, soprattutto in un possibile scenario di elevata volatilità finanziaria. Crediamo gli investitori apprezzeranno sempre di più le caratteristiche intrinseche dell’oro.

Ci sono diversi fattori che determinano il prezzo aurifero, inclusi i tassi di interesse reali, i timori di una recessione e le considerazioni sulle politiche fiscali che potrebbero causare una svalutazione delle monete. In ogni dato periodo, la performance dell’oro dipenderà da quali fattori, tra quelli appena elencati, prevalgano sugli altri.

Oggi, ad esempio, i mercati sono ottimisti sull’orientamento accomodante delle Banche Centrali, e al tempo stesso sono diventati apparentemente impervi alla paura e ai timori sui rischi prevalenti. In termini fiscali, è molto probabile che ci saranno dei cambiamenti nello scenario politico sul finire dell’anno e nel corso del 2020, con le elezioni in UK e USA all’orizzonte. La vera portata di eventuali piani di stimoli sarà presto evidente.

Sul fronte azionario, le società minerarie aurifere offrono una preziosa diversificazione per il portafoglio, ma spesso si tratta di business con elevati costi del capitale e bassi rendimenti. Queste azioni possono performare bene nelle fasi di forza dell’oro, ed essere più volatili quando l’andamento della materia prima si fa stabile o sotto stress.

La performance del settore aurifero, pertanto, sarà in parte collegata all’andamento del prezzo dell’oro, sulla base dei fattori delineati in precedenza. Non suggeriamo quindi che questi titoli siano degli asset validi ‘per tutte le stagioni’, ma soltanto uno dei tanti strumenti che gli investitori hanno a disposizione come forma di protezione indiretta per il proprio portafoglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo