real estate

Mediobanca, 102.5 milioni per l'acquisto di un palazzo a Milano

L'edificio storico, posizionato in pieno centro, è stato ceduto da Kryalos Sgr. Lo studio legale Dentons ha assistito l'istituto bancario con due team guidati da Federico Sutti e Patrizia Liguti

Mediobanca, 102.5 milioni per l'acquisto di un palazzo a Milano

L'edificio di Milano che Kryalos Sgr ha ceduto a Mediobanca

Mediobanca ha rilevato per 102.5 milioni di euro da Kryalos Sgr un palazzo storico a Milano, in via Santa Margherita a due passi da Piazza Cordusio. Lo studio legale Dentons ha assistito l'istituto di credito dell'ad Alberto Nagel nell'acquisto dell'immobile di proprietà del fondo di investimento alternativo immobiliare di tipo chiuso Pacific1, gestito da Kryalos. 

L’acquisizione è avvenuta da parte del fondo di investimento alternativo denominato Milan Trophy RE Fund 1, gestito da Kryalos Sgr e sottoscritto da parte di un club deal di oltre quaranta investitori della divisione private banking di Mediobanca.

L’operazione rappresenta attualmente un unicum per il mercato real estate italiano: si tratta infatti del primo club deal finalizzato a un investimento immobiliare trophy a reddito.

L’acquisizione è stata finanziata da Bnp Paribas, assistita da Ashurst. La proprietà, situata nel centro storico della città e caratterizzata da una superficie complessiva di oltre 6.500 mq distribuita su sei piani, attualmente locata a prestigiosi tenant internazionali, è stata ceduta per 102.5 milioni di euro.

Dentons ha agito con un team guidato dal managing partner Federico Sutti (nella prima foto) e composto da Maria Sole Insinga (partner) e Andrea Benedetti (associate) per gli aspetti di real estate; da Federico Vanetti (partner) e Carla Piccitto (trainee) per gli aspetti di diritto amministrativo.

Gli altri componenti del gruppo di lavoro sono: Alessandro Engst (partner), Valerio Lemma (senior associate), Federico Atorino (associate), Carlotta Riggi (associate) per tutti gli aspetti di natura regolamentare e per la costituzione del fondo immobiliare; Alessandro Fosco Fagotto (partner) e Dina Collepardi (managing counsel) per gli aspetti relativi al finanziamento.

Lato venditore, Chiomenti ha seguito gli aspetti societari con un team guidato dalla socia Patrizia Liguti (nella seconda foto), coadiuvata dal senior associate Vincenzo Collura e dall’associate Gaia Lentini.

Carbonetti e Associati ha prestato assistenza regolamentare e societaria, con particolare riguardo ai profili contrattuali ed autorizzativi relativi alla costituzione del fondo immobiliare ed al relativo private placement, ai rapporti con Mediobanca e con gli investitori, con un team guidato dal socio fondatore Roberto Della Vecchia insieme al socio Emanuele Marrocco, coadiuvati dall’associate Mirko Lacchini.

Maisto e Associati si è occupato degli aspetti fiscali, con un team composto dal partner Mauro Messi, dal senior associate Andrea Rottoli e dall’associate Francesco Semonella.

Il banking team di Ashurst è stato guidato dal partner Mario Lisanti, coadiuvato dal senior associate Gian Luca Coggiola, dai trainee Alessandro Generali e Martina Riva e dallo stagiaire Davide Cipolletta; l'analisi degli aspetti immobiliari è stata condotta dal partner Andrea Caputo, con il supporto dell'associate Alessandro Testa e del trainee Vincenzo Esposito, mentre il counsel Fabio Balza si è occupato dei profili fiscali.

Il fondo Pacific1 è assistito da Chiomenti Studio Legale, Maisto e Associati e Carbonetti e Associati

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo