asset management

Investire in smart city e tecnologia con i nuovi Etf di Amundi

Il prossimo sviluppo urbano, le novità dell'Internet delle cose e del settore tecnologico e , infine, l'obbligazionario ambientalmente e socialmente responsabile. Sono questi i settori sui cui puntano i nuovi fondi

Gestione diversificata e Esg, il mix dell'ultimo fondo di Amundi

Le città del domani dovranno adattarsi per gestire in modo “intelligente” la crescente urbanizzazione e le sfide che questa comporterà. Le nuove tecnologie consentiranno di migliorare la qualità di vita dei cittadini proponendo servizi più coordinati ed efficienti sul piano economico ed ambientale.

Con il lancio dell’ Amundi Smart City UCITS ETF, Amundi intende consentire agli investitori di sfruttare il potenziale offerto dalle smart city, dando accesso ad un indice composto da circa 208 azioni appartenenti a sei settori chiave: infrastrutture pubbliche, smart home, e-commerce, sanità, intrattenimento e tecnologia.

Una serie di tecnologie innovative e disruptive hanno anche dato vita a un nuovo tipo di “Smart Factory” che sta rivoluzionando la produzione. Per la costruzione dell’Amundi Smart Factory UCITS ETF, l'azienda ha selezionato un indice composto da circa 250 azioni di società attive in cinque settori: robotica avanzata, cloud computing e big data, sicurezza informatica, realtà aumentata & stampa 3D e internet delle cose (IoT).

Per fornire un’esposizione quanto più diversificata, i nuovi ETF di Amundi coprono sia i mercati sviluppati che quelli emergenti e utilizzano un approccio multisettoriale che combina diverse esposizioni tematiche. Entrambi gli ETF replicano indici Solactive. I nuovi ETF sono quotati in Borsa Italiana a spese correnti competitive pari a 0,35%.

leggi anche | Amundi sottoscrive un minibond sull'assistenza sanitaria privata

Non solo. L'asset manager francese allunga la lista dei suoi fondi indicizzati con una strategia dedicata alla finanza sostenibile. Si tratta dell’Amundi Index Euro Corporate SRI 0-3Y - UCITS ETF DR. Questo ETF si aggiunge alla gamma esistente di ETF azionari e a reddito fisso SRI e Low Carbon di Amundi, i cui primi componenti sono stati lanciati nel 2015.

L’ETF offre un’esposizione a obbligazioni societarie investment grade con una scadenza compresa tra 0 e 3 anni. Gli emittenti sono classificati in base alla loro performance ESG e sono esclusi i titoli di società coinvolte in attività legate ad alcolici, tabacco, armi militari, gioco d’azzardo, intrattenimento per adulti, organismi geneticamente modificati, armi da fuoco ad uso civile ed energia nucleare. Il risultato è un portafoglio di oltre 690 obbligazioni societarie denominate in Euro di emittenti con un eccellente rating ESG.
L'ETF, che replica l’indice Bloomberg Barclays Msci Euro Corporate ESG BB+ Sustainability SRI 0-3 Year, è offerto agli investitori a spese correnti estremamente competitive dello 0,12%5, che ne fanno l'Etf a reddito fisso Sri con il minor costo in Europa.

leggi anche | L'Italia non è un paese per investimenti sostenibili

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo