fintech | indagine Klecha & Co

Pagamenti digitali, gli otto trend da tenere d'occhio per il 2020

Dalle principali acquisizioni, alla crescita dell'indotto di società indipendenti. Il report della banca d'affari racconta il potenziale ancora inespresso delle nuove soluzioni tecnologiche, che conquisteranno il mercato del prossimo anno

Pagamenti digitali, per il Codacons si rischia il caos

Klecha & Co., banca d’investimenti privata internazionale, specializzata nel tech advisory, pubblica un'indagine sull'applicazione delle tecnologie digitali all'industria europea dei pagamenti, settore che sta completamente rivoluzionando la natura del mercato  introducendo maggiore complessità e frammentazione.

Negli ultimi 5-6 anni un numero ridotto di società, spesso di grandi dimensioni, ha cominciato a consolidare il mercato dei pagamenti.

Tra il 2018 e il 2019 si sono distinte per importanza alcune operazioni in particolare: l’acquisizione di WorldPay da parte di Fis, l’acquisizione di iZettle da parte di PayPal, e l’acquisizione di First Data da parte di Fiserv (22 miliardi di dollari il costo dell’operazione).

Senza dimenticare le acquisizioni fatte dai giganti delle carte di credito come Visa, che ha acquisito Rambus, Payworks, Earthport e Verifi per rafforzare il suo business di merchant-acquiring, o Mastercard, che è entrata nello spazio pagamenti Ach (Automate Clearing House) con l'acquisizione di VocaLink.

L'obiettivo dei grandi operatori finanziari è quello di realizzare una piattaforma di pagamento end-to-end (Stephane Klecha, Klecha & Co) 

“Possiamo affermare che le attività di consolidamento sono considerate un fenomeno naturale di un mercato basato sui grandi volumi come quello dei pagamenti”, commenta il managing partners di Klecha & Co, Stephane Klecha (in foto). 

“Nella maggior parte dei casi", continua, “vediamo che l'obiettivo di questi operatori finanziari è quello di realizzare una piattaforma di pagamento end-to-end (dall'emissione, all'accettazione del pagamento) e incrementare allo stesso modo la propria rilevanza nel mercato. In aggiunta, le società di private equity stanno spendendo diversi miliardi di euro per attività di consolidamento in tutta Europa, creando campioni nazionali come ad esempio Nexi”.

In questo contesto, ci aspettiamo una continuazione del processo di consolidamento del settore dei pagamenti europeo, per una serie di mega-trend che stanno interessando questo mondo:

1. Consolidamento dei fornitori di servizi di pagamento per l’e-commerce. In Europa esistono già diverse realtà internazionali - Worldline, Adyen, Wirecard, Paysafe e Ingenico. Tuttavia, è ancora presente un numero di operatori indipendenti. Crediamo che il consolidamento di queste realtà più piccole, dettato dalla necessità di creare un effetto di scala e ampliare la copertura geografica, risulterà positivo per l’industria dei pagamenti.

2. Crescita attraverso l’e-commerce. Il cambiamento strutturale che sta portando i consumatori a passare dall’offline (negozi fisici) all’online costringe i grandi merchant-acquirer ad aumentare la propria presenza nel segmento dell’e-commerce.
Miglioramento dell’offerta omnichannel. I fornitori di servizi di pagamento che si rivolgono principalmente ai negozi fisici dovranno essere in grado di offrire soluzioni di pagamento che integrino perfettamente gli acquisti online e offline attraverso tutti i principali canali.

3. Miglioramento dell’offerta omnichannel. I fornitori di servizi di pagamento che si rivolgono principalmente ai negozi fisici dovranno essere in grado di offrire soluzioni di pagamento che integrino perfettamente gli acquisti online e offline attraverso tutti i principali canali.

4. Crescita dei servizi a valore aggiunto (Vas). I servizi di prestito, di factoring, di anti frode o legati alla sicurezza e all’analisi dei dati sono diventati importanti fattori di crescita per i fornitori di servizi di pagamento. Chiusura di gap verticali e geografici. Le grandi società commerciali richiedono sempre più ai propri fornitori di offrire servizi di pagamento internazionali connessi ad un avanzato sistema di sicurezza e analisi dei dati.

5. Chiusura di gap verticali e geografici. Le grandi società commerciali richiedono sempre più ai propri fornitori di offrire servizi di pagamento internazionali connessi ad un avanzato sistema di sicurezza e analisi dei dati.

6. Nuove tecnologie. come ad esempio il pagamento in Realtà Virtuale e Aumentata, saranno oggetto di attenzione nel prossimo futuro. I primi esempi di questi sistemi sono Buy+ di Alibaba e lo showroom virtuale online di macchine usate di Vroom. Tuttavia, anche se la tecnologia è ancora poco utilizzata, nel prossimo futuro piccoli fornitori di tecnologie di pagamento in AR e VR diventeranno target interessanti.

7. L’open banking e l’accesso ai dati bancari. l'accesso ai dati bancari costituisce una leva per la crescita e l’innovazione delle FinTech.

8. Diversificazione orizzontale e verticale del fintech. Questo si traduce nella realizzazione o acquisizione di piattaforme di pagamento multicanale (ad esempio il pagamento tramite PoS, gift-card, pagamenti istantanei eccetera) o nella creazione di un’esperienza digitale per il cliente in specifici segmenti di mercato (come l’offerta di alcuni pacchetti di servizi di pagamento all’interno di servizi commerciali).

leggi anche | Montepaschi affida il servizi di bonifico istantaneo a Nexi

leggi anche | Nel 2018 le banche italiane hanno speso 4,7 miliardi in It

leggi anche | Sui pagamenti digitali le banche si giocano una partita da 280 miliardi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo