banche & fusioni

Ennio Doris esclude una fusione tra B. Mediolanum e Mediobanca

La famiglia Doris, azionista con il 40% del gruppo Mediolanum, non ha intenzione di cedere quote. "Non ci diluiamo con nessuno", ha commentato oggi il presidente

Ennio Doris esclude una fusione tra B. Mediolanum e Mediobanca

"Sono un azionista felice di Mediobanca", che, "tra i pochi costi di struttura e la diversificazione dei ricavi ha davanti a sé un futuro brillante". Lo ha detto Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum, in conferenza stampa oggi. Proprio per questo, sostiene, "Mediobanca non ha bisogno di fusioni, può crescere per linee interne, e se capiterà l'occasione lo farà ma non perché sarà necessario, a differenza delle altre banche tradizionali".

Nel giorno della presentazione dei risultati commerciali di dicembre, il presidente di Banca Mediolanum, si legge su Adnkronos, esclude una fusione con Mediobanca nonostante le voci che circolano sul mercato. "Lo escludo, siamo entrambi convinti di andare avanti per conto proprio", afferma.

Quindi la famiglia Doris, azionista con il 40% del gruppo Mediolanum, non ha intenzione di cedere quote. "Non ci diluiamo con nessuno, perché da noi decisioni come il bonus ai dipendenti vengono prese più rapidamente".

Sul nuovo cda di Mediobanca (in foto, l'ad Alberto Nagel), se la nomina sarà burrascosa come si attende, "bisognerebbe chiedere agli altri soci", afferma Doris, precisando che "noi siamo azionisti stabili e là restiamo". Nel settore bancario a livello generale, "il processo di selezione e fusione è solo all'inizio, ne vedremo tantissime", sottolinea il banchiere. E la causa sarà "inevitabilmente" l'ingente investimento necessario per le nuove tecnologie.

Il patron del gruppo Mediolanum ha speso qualche parola anche sullo scandalo natalizio della Banca Popolare di Bari. "Speriamo che sia l'ultima banca di medie dimensione ad avere bisogno, forse ci saranno altri istituti, ma penso più piccoli rispetto a questo".

"Io sono d'accordo sull'intervento del Fitd, poi ci sarà Mcc: e speriamo che con questo il futuro della Popolare di Bari sia migliore, ma prima o poi ci sarà un'aggregazione", ha concluso Doris.

sviluppi 1 | Banca Mediolanum pronta a lasciare Mediobanca

sviluppi 2 | Nagel rassicura gli azionisti dopo lo smarcamento della famiglia Doris

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo