Quantcast

vigilanza | consob

Controversie finanziarie, in arrivo un rimborso per chi si rivolge all'arbitro

L'autorità di vigilanza sta lavorando a una modifica dell'Acf. Dalla prescrizione delle controversie, alla tipologia di quelle accoglibili, ecco tutte le novità che potrebbero arrivare

Controversi finanziarie, in arrivo un rimborso per chi si rivolge all'arbitro

Un rimborso forfettario delle spese per chi si affida a un consulente tecnico o un avvocato per affrontare un arbitraggio per le controversie finanziarie. È quanto prevede un progetto di revisione in fase di discussione all'interno di Consob sul funzionamento del Acf.

L'autorità di vigilanza sulla Borsa e i mercati ha inoltre intenzione di fissare la prescrizione delle controversie a dieci anni

Ne scrive Plus del Sole 24 Ore. L'autorità di vigilanza sulla Borsa e i mercati ha inoltre intenzione sia di fissare la prescrizione delle controversie a dieci anni e sia di estendere le competenze dell'arbitro anche alle questioni legate all'obbligo di trasparenza (previsto da Mifid 2) che gli intermediari hanno nel fornire la documentazione (il Kid) ai propri clienti sui prodotti particolarmente rischiosi perché legati agli andamenti del mercato (i Priips).

Di contro, la modifica alla regolamentazione che Consob sta preparando, prevede la perdita per l'Acf della competenza sulle polizze di investimento "quando collocate direttamente dall’assicurazione emittente”, scrive Plus

Viene introdotto anche un altro limite, quello sulla tipologia di ricorsi accoglibili presso l'arbitro: saranno escluse quelle relative a questioni già oggetto di altri ricorsi. Verrà invece introdotta la fattispecie dell'adempimento tardivo, "che permette la cancellazione della pubblicazione dell’inadempimento nel caso in cui l’intermediario, pure se scaduto il termine per adempiere, lo faccia successivamente (anche in modo parziale se c’è l’accordo con il cliente)".

Consob apre le porte ai ricorsi collettivi, "visto che fa riferimento - come soggetto abilitato a proporre ricorso - al titolare del rapporto con l’intermediario. Una possibilità però che escluderebbe", aggiunge ancora Plus, "i casi in cui" per aggirare le norme contro la vendita di prodotti finanziari non adatti al profilo del cliente (mis-selling) lo stesso rapporto sia stato spalmato su diversi soggetti (come i componenti di una stessa famiglia)". Esclusi anche i ricorsi contro soggetti che abbiano perso la qualifica di intermediari. 

leggi anche | Una rendicontazione rapida premia i rendimenti azionari

leggi anche | Aumentano le cause contro manager e ad, un guaio per l'azionario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo