Quantcast

outlook 2020 | Janus Henderson I.

Asia, dal 2019 abbiamo imparato che non conviene sottopesarla

"Gli utili aziendali, che nel 2019 sono stati deludenti, oggi riscuotono un consenso condiviso sulle previsioni riguardo una crescita degli superiore al 10% nel corso di quest'anno". L'analisi di Andrew Gillan e Mervyn Koh

Asia, dal 2019 abbiamo imparato a non sottopesarla

"Il 2019 si è chiuso positivamente per le azioni asiatiche (Indice MSCI AC Asia Pacific ex Japan Total Return +19,5% in dollari), che sono state trainate dalle notizie di una risoluzione della fase 1 della guerra commerciale tra gli Usa e la Cina, a dicembre". L'analisi di Andrew Gillan e Mervyn Koh, gestori di Janus Henderson Investors.

I titoli delle aziende produttrici di semiconduttori e memory hanno evidenziato nel 2019 un calo dei guadagni ma sono comunque tra quelli andati meglio 

La disputa ha dominato le prime pagine dei giornali per tutto l’anno e ha determinato un sentiment dei consumatori più debole e un rinvio degli investimenti delle aziende causato dal clima di incertezza.

D’altro canto, un fattore incoraggiante per l’Asia è il cambio di tono della Federal Reserve statunitense, che nel 2019 ha tagliato tre volte i tassi di interesse.

Questo ha dato maggior margine di manovra alle banche centrali asiatiche, tra cui quelle di India e Indonesia, per ridurre a loro volta i tassi di interesse e contribuire a incentivare la crescita economica, mentre la Cina ha allentato la politica monetaria attraverso i coefficienti di riserva obbligatoria.

Cosa abbiamo imparato dal 2019. Guardando indietro allo scorso anno, siamo stati probabilmente troppo disciplinati nelle valutazioni, in particolare nei primi mesi, il che significa che abbiamo perso occasioni in alcune aree o abbiamo avuto un’esposizione inferiore, considerata l’ampia espansione dei multipli (price-to-earnings) durante tutto l’anno.

Il settore tecnologico, in cui siamo stati costantemente sovrappesati, è l’esempio migliore: i titoli delle aziende produttrici di semiconduttori e memory hanno evidenziato nel 2019 un calo dei guadagni ma sono comunque tra quelli che sono andati meglio nel corso dell’anno in seguito al rafforzamento delle aspettative del mercato di guadagni futuri.

I nostri portafogli avevano una buona esposizione ma nei primi mesi dell’anno siamo stati riluttanti a incrementarla in modo significativo considerate le prospettive di guadagno in calo nel breve termine. Nel futuro, senza dubbio una metodologia di valutazione coerente verrà premiata per cui non abbiamo intenzione di cambiarla drasticamente.

Tuttavia, questo ci ricorda che i fattori più importanti a cui guardare sono la forza dell’attività della società e la traiettoria dei guadagni sul lungo periodo.

leggi anche | Transizione energetica, la partita si gioca in Asia

Ci sono accattivanti opportunità di investimento sostenute dalla forza del consumatore asiatico, più recentemente anche nell’istruzione, nei viaggi e nel tempo libero

Previsioni di una forte crescita dei guadagni. Riteniamo che la chiave per una continua performance positiva del mercato azionario in Asia nel 2020 sarà la crescita degli utili aziendali, che nel 2019 è stata deludente e fiacca come per quattro degli ultimi cinque anni, con una crescita a due cifre registrata soltanto nel 2017.

Negli ultimi dieci anni i titoli asiatici hanno anche ottenuto risultati inferiori a quelli dei paesi sviluppati, in particolare il mercato statunitense.

Attualmente tuttavia c’è maggiore consenso sulle previsioni per una crescita degli utili superiori al 10% per il 2020. Questo, abbinato alla performance dell’Asia superiore ai titoli azionari internazionali nel periodo più lungo, ci dà motivo per essere ottimisti riguardo all’anno appena iniziato. 

Opportunità derivanti dalla forza costante del consumatore asiatico. Determinati settori e temi rimangono per noi interessanti: negli ultimi anni alcuni hanno generato forti rendimenti malgrado la crescita fiacca generalizzata nella regione. Tra i settori che continuiamo a privilegiare sul mercato c’è quello tecnologico (in particolare software e hardware), data la forza del consumatore digitale in Asia.

I servizi finanziari offrono inoltre opportunità di crescita molto interessanti, in particolare le banche in mercati emergenti come India e Indonesia, mentre anche l’assicurazione vita presenta un allettante potenziale di crescita in tutta la regione, e più particolarmente in Cina. Continuiamo a vedere accattivanti opportunità di investimento sostenute dalla forza del consumatore asiatico, più recentemente anche nell’istruzione, nei viaggi e nel tempo libero.

video | Consulentia 2020, Bigazzi: "Absolute return e volatilità bassa, la coppia perfetta"

Solido argomento a favore dell’investimento. Malgrado le continue difficoltà, tra cui la guerra commerciale, le proteste a Hong Kong e i cambiamenti normativi in paesi come l’India e le Filippine, le azioni asiatiche hanno comunque generato guadagni consistenti in uno scenario incerto.

Se è probabile che alcune di queste problematiche permangano nell’anno appena iniziato, sul lungo periodo riteniamo che gli argomenti a favore dell’investimento in Asia rimangano solidi, considerata la forte crescita economica della regione, mentre le valutazioni sono attualmente fissate con uno ribasso interessante rispetto ai titoli azionari dei mercati sviluppati.

Rimaniamo focalizzati sull’identificare aziende di alta qualità a prezzi ragionevoli e offrire ai nostri investitori un portafoglio veramente attivo di una trentina o quarantina di società a più alta convinzione.

leggi anche | Mercati emergenti, terra di avanguardie imprenditoriali

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo