Quantcast

fintech

Del Fante presenta tutti i partner finanziari di Poste Italiane

Durante l'ultimo incontro a Londra con gli investitori, l'ad del gruppo ha presentato i piani per il futuro sul fronte tecnologico sia finanziario che logistico. Da Alipay a Moneyfarm, ecco tutti i nomi

Ricavi in crescita dell'1,7% per Poste Italiane

Matteo Del Fante, ad Poste Italiane

Investimenti in arrivo per Poste Italiane nei settori finanziario, assicurativo, dei pagamenti, della telefonia e della logistica. Sono questi i settori su cui si concentra il  strategico della società guidata dall'ad e dg Matteo Del Fante presentato agli investitori a Londra all'interno del piano Deliver 2022.

''D'ora in avanti possiamo gestire al meglio le esigenze dei nostri 35 milioni di clienti attraverso investimenti strategici in infrastrutture fisiche e digitali", ha detto Del Fante, "come la nostra soluzione di codice QR Postepay con partnership con start-up tecnologiche specializzate, rese possibili dalla nostra nuova piattaforma informatica basata sull'Open Innovation".

L'accordo con Alipay permetterà ai clienti di Poste di utilizzare i servizi offerti del codice QR tramite Postepay

Il qr code di cui parla il ceo è quello presente in Codice Postepay -  app di PostePay (sistema di pagamento che conta 27 milioni di carte in circolazione e oltre 1 miliardo di transazioni gestite nel 2019) -, sistema progettato per servire milioni di esercenti offrendo un accesso immediato agli oltre cinque milioni di clienti che utilizzano attivamente l'app Postepay per i pagamenti.

Tra i nuovi accordi sul fronte dei pagamenti digitali, il gruppo ricorda quello con Alipay - il gigante cinese recentemente diventato partner del gestore di mezzi elettrici di mobilità urbana, Helbiz - in base al quale i clienti di Poste potranno utilizzare i servizi offerti del codice QR in Italia tramite Postepay.

Poste Italiane parla, poi, del processo in corso per la modernizzazione della sua infrastruttura IT con un investimento da 2,8 miliardi di euro in settori quali le piattaforme cloud, la gestione dei dati e delle API (application programming interface).

Sul lato finanziario c'è da ricordare l'accordo con Moneyfarm in cui Poste svolge il ruolo di distributore presso i suoi clienti PosteMoney Investimenti di un servizio digitale che offre una gestione patrimoniale in Etf con 7 linee di investimento (due delle quali sviluppate esclusivamente per i clienti di Poste italiane). Moneyfarm è responsabile della definizione e della gestione del portafoglio di investimenti.

Secondo l'accordo stretto con Moneyfarm, Poste svolge il ruolo di distributore Poste svolge il ruolo di distributore di Etf con 7 linee di investimento

''La partnership è stata rivoluzionaria nel nostro paese in termini di open innovation; uno dei più grandi accordi di distribuzione basati su Api all'interno del settore europeo della gestione patrimoniale", commenta Paolo Galvani (il primo in foto), presidente di Moneyfarm.

La nuova regolamentazione PSD2 è stata tra le ragioni che hanno spinto il gruppo di Del Fante ad avviare la collaborazione con Tink per un'integrazione del sistema del gruppo con le logiche dell'open banking

Poste Italiane è entrata nel capitale della società investendo nell'ultima raccolta fondi di quest'ultima da cui ha incassato un round da 90 milioni di euro. Round a cui hanno partecipato, oltre Poste, Heartcore Capital, Abn Amro Ventures e Opera Tech Ventures (controllata di venture capital di Bnp Paribas).  

Novità anche sul fronte della logistica e della consegna dell'ultimo miglio, alle quali è dedicato un impegno di investimento da 200 milioni di euro. Nel 2019 il gruppo ha, infatti, stretto una partnership con Sennder, che utilizza la tecnologia per massimizzare la saturazione e la flessibilità nel trasporto stradale a lungo raggio.

leggi anche | Immobili per imprese, locazione batte acquisto. L' "ultimo miglio" guida la domanda

Grazie al successo di un test, che ha visto Sennder gestire quasi 8 milioni di pacchi per Poste Italiane tra il Black Friday e il periodo natalizio, la joint venture si sta intensificando ora per applicarsi all'intera attività di full truck load del gruppo Poste, con l'obiettivo dichiarato di ri una riduzione di costi di 100 milioni all'anno.

Su input della nuova regolamentazione PSD2  il gruppo di Del Fante ha avviato una collaborazione con Tink per integrare nel proprio sistema le logiche dell'open banking

''Abbiamo lavorato a stretto contatto con il team di Poste", ha dichiarato David Nothacker, cofondatore e direttore generale di Sennder, "per identificare con precisione il modo migliore di integrarci.

Questa fase è stata determinante nei primi mesi di attività per superare le previsioni iniziali e colloca anche la partnership nella posizione di considerare opportunità provenienti da mercati precedentemente inesplorati".

Poste Italiane ha anche lavorato insieme a Milkman, una start-up per la consegna a domicilio che sta aiutando il gruppo a migliorare l'esperienza del cliente e-commerce, fornendo opzioni di consegna più convenienti e un migliore processo di pagamento.

Combinando la nuova tecnologia con il network di consegna senza rivali di Poste Italiane, sono stati implementati i servizi di consegna programmata, nella fase iniziale, a Roma, Milano e Torino e saranno estesi ad altre citta su territorio nazionale nel 2020.

"Mentre il nostro obiettivo originale era semplicemente quello di far conoscere il nostro prodotto, la nostra collaborazione ha superato tutte le nostre aspettative grazie alla capacità di Poste di incorporare l'innovazione e di fornire accesso a tutti i suoi asset che permette di effettuare test a tutti i livelli", ha dichiarato Antonio Perini, amministratore delegato e fondatore di Milkman.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

I più letti

Articolo successivo